Acilia, minaccia di uccidere la compagna con una spada e aggredisce gli agenti

Ha minacciato di uccidere la compagna usando una spada. E’ successo ad Acilia, quartiere sud di Roma, nella mattinata del 6 aprile. A dare l’allarme alcuni vicini che avevano segnalato una lite in famiglia. Giunti sul posto, gli agenti hanno subito individuato l’appartamento da cui si sentivano provenire delle urla.

Dopo aver bussato varie volte, la porta è stata aperta parzialmente da un giovane che tuttavia continuava a bloccare l’accesso ai poliziotti, mentre alle spalle si intravedeva una ragazza in lacrime che chiedeva aiuto.

Nonostante le fasi di trattativa, la situazione è rimasta tesa. Il ragazzo, tentando di afferrare una spada, ha resistito ma dopo una breve colluttazione è stato poi bloccato dagli agenti e portato al Commissariato del Lido, il tutto mentre danneggiava la volante della Polizia. 

La vittima, soccorsa, ha raccontato agli investigatori che la convivenza era iniziata da un mese circa e che già altre volte c’erano state delle violente liti con il compagno, ma lei non l’aveva mai denunciato.

Nell’ultimo episodio, l’uomo l’aveva svegliata alle due di notte chiedendole dei soldi e, dopo averla picchiata e minacciata con una spada, era uscito dicendole che sarebbe andato a compiere un furto in un bar per procurarsi da bere.

Quando era rientrato a casa ubriaco, la donna aveva notato che aveva con sé molte bottiglie di liquore rubate in un bar di Acilia. A quel punto aveva ricominciato a picchiarla e dopo averle puntato la spada alla gola aveva minacciato di ucciderla.

La vittima, ferita, è stata accompagnata all’ospedale Grassi. Anche due poliziotti, a seguito delle contusioni riportate dalla colluttazione, sono stati medicati e dimessi con una prognosi di 7 giorni.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

L’uomo, identificato per un romano di 31 anni, è stato arrestato per i reati di maltrattamenti in famiglia, resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento dei beni dello stato e inoltre denunciato, in stato di libertà, per tentata estorsione. La spada in acciaio lunga 75 centimetri, di cui 57 di lama, è stata sequestrata.

Fonte : Roma Today