Coronavirus: è morto John Prine, storico cantautore americano

Si è spento ieri a Nashville all’età di 73 anni a causa del coronavirus il grande cantautore folk americano John Prine.
Era stato ricoverato in ospedale lo scorso 26 marzo dopo aver contratto l’infezione da Covid-19. La notizia è stata confermata dalla sua famiglia.

Nato a Maywood, nell’Illinois, il 10 ottobre 1946, Prine pubblicò il suo omonimo album di debutto nel 1971. Nella sua carriera ne ha pubblicati 17 in studio, e il suo ultimo lavoro è “The Tree Of Forgiveness” del 2018.

Appena saputo della scomparsa di Prine il grande Bruce Spingsteen ha voluto rendere omaggio al grande cantautore con un toccante messaggio su Twitter:

Qui sulla E Street siamo stravolti dalla perdita di John Prine. Nei primi anni ’70 John e io eravamo i “New Dylans” e non era altro che il ragazzo più adorabile del mondo. Un vero tesoro nazionale e un cantautore che si ricorderà per secoli. Mandiamo il nostro amore e le nostre preghiere alla sua famiglia.

Johnny Cash, nella sua autobiografia “Cash” del 1997, scriveva: “Non ascolto molto la musica in fattoria, a meno che non vada in modalità di songwriting e cerchi qualche fonte di ispirazione. A quel punto metterò su qualcosa degli scrittori che ho ammirato e utilizzato come ispirazione per anni – Rodney Crowell, John Prine, Guy Clark e il compianto Steve Goodman, sono i miei Big Four

In un’intervista del 2015 anche il grande Roger Waters dei Pink Floyd ha nominato Prine come uno dei migliori cantautori di sempre: “John Lennon è un cantautore importante, così come Paul McCartney. Così lo è Neil Young, Bob Dylan, così come John Prine“.

Fonte : Virgin Radio