Coronavirus: da telemedicina a pagamenti vince l’innovazione

Roma, 7 apr. (Labitalia) – L’emergenza Covid ha dimostrato anche quanto sia ingegnoso l’intelletto umano nell’adattarsi alle situazioni più estreme. Ma, soprattutto, quanto l’accelerazione verso la digitalizzazione sia importante e strategica per il sistema Paese e quanto molte innovazioni pro tempore possano (e debbano) trasformarsi in innovazioni per sempre. Dai pagamenti alla telemedicina, dal procurement alla capacità di costruire in 10 giorni il nuovo ospedale di Milano. Il primo fronte su cui si misura l’innovazione nell’emergenza è senz’altro la medicina e, in particolare, la grande promossa di queste giornate è la telemedicina. È notizia di pochi giorni fa l’installazione presso l’Ospedale Infermi di Rimini di un robot che permette al personale sanitario e medico di effettuare televisite a distanza a pazienti affetti da Covid-19, riducendo quindi il rischio contagio.

InTouch Vita, questo il nome del dispositivo prodotto dall’americana InTouch Health e distribuito in Italia da ab medica, è un piccolo robot, composto da un ‘corpo’ su ruote e una ‘testa’ costituita da monitor e telecamere, comandabili a distanza. Un grande aiuto nell’emergenza, per i medici che sono in grado di guidare il robot attraverso i corridoi fino al letto del paziente, mostrandosi a quest’ultimo attraverso il monitor. Tra le aziende in prima linea nell’assistenza sanitaria domiciliare, invece, c’è Medigas, importante realtà italiana del Gruppo Siad che ha assicurato a quasi 1.000 pazienti Covid-19 un servizio a domicilio, nelle aree più critiche di Bergamo e Brescia e del Veneto: oltre 70 ventilatori nei reparti ospedalieri e più di 900 pazienti forniti di ossigeno terapeutico a domicilio, permettendo loro di superare difficili crisi respiratorie.

Ma il secondo fronte è senz’altro quello della Pa, in particolare per la gestione digitale e sempre più sicura delle gare d’appalto anche alla luce del decreto ‘Cura Italia’ che spinge per gli investimenti in tecnologia. Sono attesi i risultati di un nuovo report sullo stato dell’arte delle stazioni appaltanti italiane, promosso da Promo Pa Fondazione in collaborazione con Jaggaer, che verranno presentati il 28 aprile in un webinar aperto agli addetti ai lavori, aziende e alla stampa. Tra le iniziative solidali più recenti, quella della londinese Soldo, società fintech per lo spend management fondata dall’italiano Carlo Gualandri, che ha scelto di aiutare i Comuni e le istituzioni pubbliche, mettendo a disposizione, a canone zero, le carte Soldo per quanti in questo periodo stanno gestendo attività di supporto alla grande emergenza. In particolare, per consentire ai Comuni Italiani, alle Rsa e alle istituzioni di gestire al meglio i buoni spesa e gli aiuti alla popolazione, Soldo ha reso disponibile la propria infrastruttura per fornire e gestire carte di pagamento Mastercard, totalmente personalizzabili e controllabili in tempo reale.

Fonte : Today