Coronavirus, Mourinho e il mini allenamento con il Tottenham: non c’è la distanza sociale

Non si ferma l’emergenza Covid-19 nel mondo, pandemia d’attualità anche in Inghilterra. Crisi sanitaria che non ha negato una sessione a ranghi ridotti tra gli Spurs: come riporta il Daily Mail, Mou e tre giocatori (Sanchez, Sessegnon e Ndombelé) sono stati immortalati mentre si allenavano al parco. Peccato che il gruppetto non abbia rispettato il distanziamento sociale né la direttiva governativa in pieno lockdown

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Anche l’Inghilterra vive il dramma dell’emergenza Coronavirus, pandemia che continua a causare contagi e morti. Una gravissima crisi sanitaria che, tuttavia, non sta allarmando alcuni protagonisti della Premier League: dopo la follia di Grealish e la serata di Walker, l’ultimo episodio ha coinvolto José Mourinho e tre giocatori del Tottenham. Lo riporta il Daily Mail, tabloid britannico che indica come la società non fosse al corrente dell’iniziativa dell’allenatore portoghese che ha “convocato” i suoi tesserati residenti nel nord di Londra. Si fa riferimento a Davinson Sanchez, Ryan Sessegnon e Tanguy Ndombelé, immortalati mentre si allenavano al parco sotto lo sguardo dello Special One dalla rigorosa tuta del club in pieno lockdown.

Tottenham all’oscuro

Attraverso i social stanno circolando foto e video dei tre giocatori al lavoro tra corsa ed esercizi, mini-sessione ad Hadley Common che non poteva esserci: secondo il Daily Mail, tutti avrebbero violato la direttiva governativa secondo cui l’esercizio fisico all’aperto può essere intrapreso solo con un altro membro della propria famiglia. E non è tutto: Sanchez e Sessegnon sono stati ripresi mentre correvano l’uno al fianco dell’altro, senza quindi rispettare il distanziamento sociale di due metri richiesto dal primo ministro Boris Johnson. Un episodio che inevitabilmente sta facendo parecchio discutere.

Fonte : Sky Sport