Coronavirus, a Roma 26 nuovi positivi: 4149 casi nel Lazio da inizio epidemia. Cala ancora il trend

Sono 26 i nuovi positivi al coronavirus a Roma. E’ quanto emerge dai dati Asl emessi nel pomeriggio di oggi e che tengono conto delle ultime 24 ore. Secondo quanto si legge dai bollettini delle strutture sanitarie, nella Capitale e nel territorio di Fiumicino, quindi, il dato resta basso. Anche al di sotto del trend del 3% regionale fatto registrare nei due giorni appena trascorsi. 

Pure la provincia di Roma procede bene con la sola eccezione del territorio coperto dalla Asl Rm 6, quello dei Castelli e del litorale sud: qui sono 33 i nuovi casi positivi.

Nelle altre città del Lazio, invece, la maglia nera va a Rieti con 26 nuovi casi di Covid-19 di cui 12 riferibili alla casa di riposo Il Gabbiano di Fara Sabina. Complessivamente, nelle ultime 24 ore, sono quindi 118 i nuovi contagiati nel Lazio.

Coronavirus, i casi totali nel Lazio 

Da inizio epidemia sono 3365 gli attuali casi positivi nella Regione Lazio. Di cui 1944 sono in isolamento domiciliare, 1229 sono sono ricoverati non in terapia intensiva, 192 sono ricoverati in terapia intensiva. 238 sono i pazienti deceduti e 546 le persone guarite. In totale sono stati esaminati 4149 casi.

I dati Asl a Roma e nel Lazio del 7 aprile

Asl Roma 1: 6 nuovi casi positivi. 3 pazienti sono guariti. 1511 persone sono uscite dall’isolamento domiciliare. Proseguono i controlli nelle RSA e case di riposo del territorio

Asl Roma 2: 12 nuovi casi positivi. 5 pazienti sono guariti. 32 persone sono uscite dall’isolamento domiciliare. Due casi sospetti del Selam Palace di ieri negativi al tampone. Continuano i controlli nelle RSA e case di riposo del territori

Asl Roma 3: 8 nuovi casi positivi. 1623 persone sono uscite dall’isolamento domiciliare. Continuano i controlli nelle RSA e case di riposo del territorio 

Asl Roma 4: 2 nuovi casi positivi. 4 pazienti sono guariti. Deceduto uomo di 90 anni all’Ospedale San Paolo di Civitavecchia. 1684 persone sono uscite dall’isolamento domiciliare. Si sono conclusi i controlli su tutte le RSA e case di riposo del territorio

Asl Roma 5: 16 nuovi casi positivi. 8 pazienti sono guariti. Deceduta una donna di 92 anni all’Ospedale di Palestrina. 1690 persone sono uscite dall’isolamento domiciliare. All’Ospedale di palestrina sono ricoverati 37 pazienti 

Asl Roma 6: 33 nuovi casi positivi. 1 paziente è guarito. Deceduto un uomo di 63 anni. 91 persone sono uscite dall’isolamento domiciliare. Operativo il laboratorio per il test a Genzano: già effettuati 80 tamponi. Completate le verifiche sulle strutture socio assistenziali del territorio. All’Ospedale dei Castelli sono ricoverati 62 pazienti di cui 2 in terapia intensiva

Asl Frosinone: 7 nuovi casi positivi. Non si registrano decessi nelle ultime 48 ore. 6 pazienti sono guariti. 308 persone sono uscite dall’isolamento domiciliare

Asl Rieti: 26 nuovi casi positivi di cui 12 riferibili alla casa di riposo Il Gabbiano di Fara Sabina. Decedute 2 donne di 90 e 96 anni con pregresse patologie. 2 pazienti sono guariti. 36 persone sono uscite dall’isolamento domiciliare. Continuano i controlli nelle case di riposo, controllato il 100% delle RSA del territorio 

Asl Viterbo: 3 nuovi casi positivi. Non si registrano decessi nella ultime 48 ore. 7 pazienti sono guariti. 2354 persone sono uscite dall’isolamento domiciliare. Si stanno eseguendo i tamponi nella casa di riposo Villa Noemi di Celleno 

Asl Latina: 5 nuovi casi positivi. Non si registrano decessi nelle ultime 24 ore. 1 paziente è guarito. 4016 persone sono uscite dall’isolamento domiciliare. Attivati ulteriori 14 posti letto all’Ospedale Goretti di Latina 

D’Amato: “Diminuisce il dato complessivo dei ricoverati nelle terapie intensive”

“Si conferma il rallentamento del trend che per la prima volta scende sotto al 3% e per la prima volta diminuisce il dato complessivo dei ricoverati nelle terapie intensive passando da 197 di ieri a 192 di oggi. Ora non bisogna mollare”, sottolinea l’assessore alla sanità del Lazio Alessio D’Amato: “A Viterbo si registra il dato più basso nelle ultime 24h con 2 casi e zero decessi, mentre Roma città continua il rallentamento con 26 casi. All’Ospedale pediatrico Bambino Gesù sono 6 i pazienti COVID ricoverati, mentre 2 i bambini dimessi ieri. La buona notizia arriva dai 3 neonati e le 2 mamme di Civitavecchia che sono risultati negativi al secondo tampone”.

Coronavirus Roma, il bollettino dello Spallanzani del 7 aprile

Sono in totale 180 i pazienti positivi al coronavirus ricoverati presso l’istituto Lazzaro Spallanzani. Di questi, come riportato sul bollettino emesso questa mattina, 23 necessitano di supporto respiratorio. “In giornata sono previste ulteriori dimissioni di pazienti asintomatici o paucisintomatici (con sintomi lievi, ndr)”. I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali, sono invece 215. Si stabilizza quindi l’inversione del rapporto: per il terzo giorno consecutivo i pazienti dimessi sono più di quelli positivi ricoverati.  

D’Amato visita l’Eastman

L’assessore alla Sanità della Regione Lazio questa mattina ha visitato il COVID Hospital dell’Eastman. “Ho potuto apprezzare”, ha riferito, “il lavoro straordinario per la rete regionale. Sono coinvolti oltre 600 operatori tra infermieri e medici in quello che rappresenta il secondo centro a Roma per numero di ricoveri, un punto essenziale nella cura e nella ricerca che dovrà essere mantenuto anche nella fase successiva, con un forte rapporto con il territorio. Voglio ringraziare gli operatori del Policlinico Umberto I che stanno dimostrando sul campo la loro straordinaria professionalità. Ancora una volta l’Università La Sapienza e il Servizio sanitario regionale sono alleati nella sfida più importante”.

L’esercito al Selam Palace di Roma

Proprio a Roma è scattato da ieri l’allarme per un altro potenziale focolaio: un palazzo di via Arrigo Cavaglieri, a Romanina. Ex uffici occupati ormai una quindicina di anni fa, conosciuti come Selam Palace, e abitati da circa 400 persone di origine africana. Qui sono due le persone sospette positive al coronavirus. L’esercito sta presidiando l’edificio. Sul posto anche il personale Asl per effettuare i tamponi agli ospiti e avere un quadro completo e certo dei contagiati nella struttura. 

L’intervista al presidente dell’Ordine dei medici

“Le mascherine? Dovranno essere obbligatorie anche nel Lazio, specie nella fase 2, quando le persone torneranno a uscire” ha intanto suggerito il presidente dell’Ordine dei medici di Roma Antonio Magi, intervistato da RomaToday, commentando la decisione presa da Lombardia e Toscana di rendere obbligatorie le misure protettive anti coronavirus, per chiunque esca di casa e per qualunque tipo di spostamento o attività. Poi sempre alla voce dispositivi di sicurezza ne ha ribadita la necessità per tutti i medici, di base e ospedalieri. “Aspettiamo ancora le 71mila mascherine promesse dalla Protezione civile. L’altro grande virus di questo Paese è la burocrazia”. 

Le altre notizie

Esodo dei romani verso le case al mare

Chi viola il Decreto, beccato sul bus: “Andavo a comprare carote per il coniglio”

Selam Palace zona rossa: la situazione

Al Bambin Gesù trapianti di organi nonostante l’emergenza

L’emergenza in carcere

Sette casi positivi tra i dipendenti Atac

Inseguimento ai tempi del coronavirus 

A Termini e Tiburtina arrivano i termoscanner

Ad Anzio tampone al gatto di un contagiato

Chiusi gli sportelli dell’agenzia dell’entrate 

Troppi infermieri contagiati. Esposto in procura: “Noi da eroi a untori” 

Video, Renzo Piano: “Facciamoci coraggio” 

Trasporto pubblico: per lavoratori Cotral scongiurata cassa integrazione. Ma resta la crisi in Atac 

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

Articolo aggiornato alle 17:50 del 7 aprile

[embedded content]

Fonte : Roma Today