Morta Honor Blackman, l’attrice che recitò in James Bond

I figli di Honor Blackman hanno annunciato la scomparsa dell’attrice inglese, nota anche per aver fatto sognare il pubblico di tutto il mondo con il ruolo di Pussy Galore all’interno dell’indimenticabile “Agente 007 – Missione Goldfinger ”.

di Matteo Rossini

Se ne è andata a novantaquattro anni Honor Blackman, indimenticabile Bond Girl all’interno dell’iconica pellicola “Agente 007 – Missione Goldfinger”. L’attrice era tra le artiste più amate e popolari del Regno Unito.

Honor Blackman: il debutto

Honor Blackman nasce il 22 agosto 1925 a Plaistow, quartiere della capitale britannica. Fin dalla tenera età la ragazza è attratta dalle luci della ribalta avvicinandosi alla recitazione, studiando dizione e frequentando corsi di musica.

Il 1947 è un anno molto importante per la carriera dell’attrice che debutta sullo storico palco dell’Apollo Theatre e sul grande schermo all’interno del film “Fame Is the Spur” con protagonista Michael Redgrave. Negli anni successivi Honor Blackman conquista grande successo affermandosi con sempre maggior popolarità a livello internazionale, infatti il talento unito alla bellezza la rendono una delle artiste più ammalianti e affascinanti dello spettacolo.

Inserire immagine

Descrizione immagine

@Getty Images

Honor Blackman: l’affermazione

Il periodo a cavallo tra la fine degli anni ’40 e la metà degli anni ’60 coincide con interpretazioni in importanti produzioni con alcune delle stelle più brillanti del mondo dorato di Hollywood, tra queste “Quartet” con Dirk Bogarde, “Alto tradimento” con Robert Taylor ed Elizabeth Taylor, “La città dei diamanti” con David Farrar, “Tragica incertezza” con Jean Simmons, Dirk Bogarde e David Tomlinson, “The Glass Cage” con John Ireland e “Gli Argonauti” con Todd Armstrong e Nancy Kovack.

Inserire immagine

Descrizione immagine

@Getty Images

Honor Blckaman: il succeso

La grande svolta nella carriera arriva nel 1962 con la serie televisiva “Agente speciale” in cui ricopre il ruolo di Cathy Gale. Il successo televisivo è travolgente tanto che l’attrice diventa una delle artiste del momento.

Nel 1964 Honor Blackman entra nella storia della settima arte, il film è “Agente 007 – Missione Goldfinger”, il ruolo quello di Pussy Galore. La Bond Girl fa subito centro nel cuore del pubblico divenendo una delle più note della saga. Il film (qui potete trovare tutte le foto più belle) diretto da Guy Hamilton conquista anche un Premio Oscar nella categoria “Migliori effetti sonori” e la colonna sonora di Shirley Bassey scala la chart americana.

Dopo il grande successo del terzo capitolo dell’agente segreto più celebre al mondo, Honor Blackman continua a spaziare tra cinema e piccolo schermo

Fonte : Sky Tg24