Il governo metterà 400 miliardi a disposizione delle imprese italiane

Il consiglio dei ministri stanzia una somma ingente, divisa tra mercato interno ed export, per garantire prestiti a tutte le aziende. Su Twitter il premier ha definito il nuovo piano fiscale “una potenza di fuoco“ per salvaguardare l’economia nazionale

(Photo by Ivan Romano/Getty Images)

Dopo il 350 miliardi contenuti nel pacchetto di norme del decreto Cura Italia, il governo mobilita altri 400 miliardi per aiutare le imprese italiane in questo periodo di crisi economica causata dell’emergenza coronavirus. L’obiettivo è garantire prestiti alle aziende italiane mettendo a disposizione, come ha sottolineato il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa, un “flusso poderoso di risorse”. Oltre a questo, nel nuovo decreto sono previste misure che velocizzeranno i pagamenti della Pubblica amministrazione, sospensione dei termini per chi è in debito con il fisco e l’estensione della golden power, cioè la norma che permette al governo di impedire l’acquisizione di aziende italiane da parte di colossi stranieri, ad altri settori strategici tra cui il “finanziario, energetico, dei trasporti, dell’acqua, della sicurezza alimentare e dell’agricoltura”.

“Lo stato c’è, e mette subito la sua potenza di fuoco nel motore dell’economia. Quando si rialza l’Italia corre”, ha scritto il premier Conte su Twitter, sottolineando come fino a ora il governo abbia investito 750 miliardi di euro, corrispondenti quasi a metà del Pil italiano.

I prestiti e le garanzie per le imprese

La cifra di 400 miliardi verrà ripartita tra mercato interno ed export: 200 andranno al primo, mentre 200 serviranno per poter potenziare il secondo. “Lo stato” – ha spiegato Conte – “offrirà questa somma come una garanzia perché i prestiti avvengano in modo celere e spedito”. Oltre a questo, verranno potenziati due istituti già esistenti: il Fondo centrale di garanzia per le piccole e medie imprese e il Sace (la società per azioni del gruppo italiano Cassa depositi e prestiti).

[ ]

Il Fondo – grazie a un’iniezione di liquidità di 1,5 miliardi – offrirà una copertura pubblica ai finanziamenti concessi da banche, società di leasing e intermediari finanziari attraverso una notevole semplificazione delle procedure. A fare da garante a questi prestiti ci sarà la stato. Il Sace, invece, si rivolge “a banche, istituzioni finanziarie nazionali e internazionali e altri soggetti abilitati all’esercizio del credito”. Tutti questi soggetti potranno ottenere garanzie  fino 200 miliardi di euro, “di cui almeno 30 miliardi a supporto di piccole e medie imprese”.

Inoltre, vengono sospesi anche “vari pagamenti fiscali e contributivi” a carico delle imprese e le ritenute di aprile e maggio per i lavoratori autonomi. Una sospensione che si traduce nella pratica in 10 miliardi di euro che, per il momento, non arriveranno nelle casse dello stato.

Le altre misure

Nel documento a firma del presidente del consiglio sono anche previsti 85 milioni di euro in favore delle scuole. Un fondo di cui beneficeranno gli studenti meno abbienti e che permetteranno l’acquisto di tablet e pc così da garantire, in maniera efficiente, la didattica a distanza per tutti gli alunni. A questo si aggiungono gli sgravi al 50% per l’acquisto di mascherine in vista di una prossima apertura delle aziende così da garantire la salute dei dipendenti.

Fonte : Wired