Cathy Yan sul flop di Harley Quinn: “Molti partivano prevenuti perché tutto al femminile”

Con i suoi $200 milioni d’incassi, a fonte dei quasi $100 impiegati per la realizzazione, Birds of Prey non è stata affatto “la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn” che tutti speravamo. Tra coloro che speravano nel successo del film c’era certamente la regista Cathy Yan, che ha recentemente commentato il flop della pellicola con Margot Robbie.

AI microfoni di The Hollywood Reporter, la regista ha parlato delle elevate aspettative che il pubblico e la critica avevano per la pellicola, soprattutto perché interamente al femminile, e di come fossero forse troppo alte per essere soddisfatte:

“Questo [l’attenzione smodata dei media] era qualcosa che in quanto regista donna ed asiatica avevo già preventivato. Sì, ci sono decisamente molti modi in cui il successo, o la mancanza di esso, possono essere interpretati, e ognuno è libero di pensarla come vuole. Penso solo che in molti partissero già con una propria idea, quindi pervenuti, al riguardo.”

La Yan prosegue soffermandosi sull’importanza del messaggio di forza ed indipendenza che Harley Quinn ha portato alle donne di tutto il mondo:

“Ciò che ha superato ogni aspettava sono state le tante cose positive che questo film ha portato, come la risonanza globale che ha avuto e l’accoglienza calorosa in ogni parte del mondo. In molti mi hanno detto che è stato il primo film del genere che hanno visto e sentivano di potersi identificare con i personaggi sullo schermo.”

Cosa pensate di Birds of Prey? Vi è piaciuto? Discutiamone insieme qui o nella nostra recensione del film, mentre per scoprire la storia cinematografica di Yan vi rimandiamo al nostro approfondimento, nel quale analizziamo anche i motivi che hanno spinto la Warner Bros. ad assegnarle il progetto.

Fonte : Everyeye