Multato perché resta a casa: senza tetto in un camper sanzionato per aver violato il decreto

Multato perché “in giro” con il suo camper senza un valido motivo. Ma è un senza tetto e quel veicolo è la sua casa. È quanto accaduto a un uomo, un italiano di 49 anni, che da ormai circa tre anni vive nel minivan donato dalle associazioni umanitarie e spesso parcheggiato nella zona di Villa Borghese. Questa mattina intorno alle dieci una pattuglia dei carabinieri nel corso dei controlli per verificare il rispetto della quarantena scattata con l’emergenza sanitaria ha notato il veicolo parcheggiato in viale del Giardino Zoologico.

L’uomo che era all’interno ha spiegato di non avere un’abitazione e di essere residente in via Modesta Valente, la residenza fittizia concessa dal Comune ai senza fissa dimora. Questo non è bastato ad evitargli una multa da 373,33 euro che, se non verrà pagata entro 30 giorni, diventerà di 533,33 euro. Nel verbale, che Romatoday ha potuto visionare grazie alla denuncia di una volontaria residente nel quartiere, poche righe dopo la registrazione dell’indirizzo ‘via Modesta Valente’, che attesta che una persona è senza casa, si legge il motivo della multa: “Si spostava con un mezzo in assenza di comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza o di motivi di salute”.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

A raccontare questa storia è Letizia, una volontaria residente nella zona: “Tutto il quartiere lo conosce”, racconta. “Dopo aver vissuto per sette anni in strada circa tre anni fa le associazioni umanitarie gli hanno regalato questo piccolo camper. Sosta spesso in questa zona perché i residenti che frequentano l’area cani del parco lo conoscono e quando serve gli commissionano lavori di giardinaggio nelle case in campagna. Così, a volte, si allontana per un po’. Ora, però, senza questi lavoretti non più nessuna entrata, senza più niente da mangiare e vive grazie alla solidarietà del quartiere. Non ha mai dato fastidio a nessuno. In questo momento non si può spostare e comunque non saprebbe dove andare. Siamo rimasti molto colpiti da quello che gli è successo. Perché, in questo momento, prendersa con un senza tetto?”. 
 

Fonte : Roma Today