Il signore degli anelli: in origine Frodo avrebbe dovuto uccidere Gollum

Una prima versione de Il signore degli anelli: Il ritorno del re, diretto da Peter Jackson, vedeva Frodo (Elijah Wood) protagonista di un assassinio. Nei primi anni 2000, la saga cinematografica de Il signore degli anelli, adattamento dell’opera di J.R.R. Tolkien, è diventata una pietra miliare del cinema fantasy del nuovo millennio.

La trilogia iniziata nel 2001 con La compagnia dell’anello e si è conclusa nel 2003 con Il ritorno del re, che trionfò agli Oscar, vincendo tutte le 11 candidature che aveva ottenuto. Il cast principale è composto da Elijah Wood, Orlando Bloom, Viggo Mortensen, Sean Astin e Ian McKellen.

Il finale de Il ritorno del re coincide con la conclusione del viaggio di Frodo Baggins (Elijah Wood), che ritrova finalmente un po’ di pace, dopo aver passato dei momenti davvero difficili durante il tragitto. Al culmine del suo viaggio, Frodo raggiunge il Monte Fato, l’unico luogo in cui l’anello può essere distrutto, insieme al suo fedele amico Samwise Gamgee (Sean Astin). Frodo viene attaccato da Gollum (Andy Serkis), colui che l’anello portò alla pazzia. I due lottano e stanno per cadere dalla sporgenza posta sopra la bocca del vulcano. Mentre Frodo riesce a salvarsi, Gollum cade nella lava e sia lui che l’anello vengono consumati dai fuochi del Monte Fato. Tuttavia l’idea originale di Jackson era un’altra.
Nella biografia del regista si legge che inizialmente Frodo avrebbe dovuto spingere intenzionalmente Gollum nei fuochi del monte ma Jackson era dubbioso su questa svolta narrativa, soprattutto in relazione alla concezione dell’eroe da parte di Tolkien.
In questi giorni l’Empire State Building è stato paragonato all’Occhio di Sauron mentre è circolata la notizia che un account Twitter segna giorno per giorno gli eventi della saga.

Fonte : Everyeye