Coronavirus, Mediaset: ferie e ammortizzamenti sociali per gli smart worker

Il direttore centrale delle HR e operazioni del gruppo Mediaset, Niccolò Querci, in una lettera indirizzata a tutti i dipendenti del Biscione ha spiegato: “La stagnazione del mercato pubblicitario in un contesto di tale incertezza, unita alla necessità di sospendere alcune produzioni e di modificare in modo significativo l’organizzazione del lavoro stanno comportando ripercussioni sui risultati economico-finanziari anche del nostro gruppo” 


Come riportato da Italiaoggi, anche a Cologno Monzese si approfitta degli ammortizzatori sociali previsti dal decreto Cura Italia: almeno due settimane di cassa integrazione per una serie di dipendenti Mediaset interessati dalla riduzione d’orario, durante il periodo d’emergenza, anche parziale, della loro attività. 
Inoltre, lo scorso 28 marzo, i vertici di Mediaset e i sindacati hanno raggiunto un’intesa per lo smaltimento di ferie e di permessi arretrati riferiti all’anno 2019, un provvedimento applicabile solo ai lavoratori in smartworking. Nessun accordo invece per uno smaltimento del 30% di ferie e permessi 2020. 


Entro giugno 2020 i dipendenti di Mediaset che lavoro da casa avranno consumato tutte le ferie e  permessi arretrati 2019

L’accordo, specifica il documento di Querci, “permette, per il momento, di fare fronte agli effetti della crisi con provvedimenti ancora non particolarmente pesanti per i dipendenti di Mediaset. L’azienda ha confermato che sta attentamente studiando l’utilizzo degli ammortizzatori sociali previsti dal decreto Cura Italia al fine di alleggerire le pesanti ricadute economiche sui conti del gruppo”

Fonte : Affari Italiani