Coronavirus in Italia: il bollettino di oggi sabato 28 marzo 2020

Medici e infermieri monitorano lo stato di un paziente. Foto Ansa

Coronavirus, ecco i dati del bollettino della Protezione civile aggiornati a oggi, sabato 28 marzo. Una premessa è necessaria: si tratta di dati ufficiali – forniti dal ministero della Salute – che molto probabilmente sottostimano il numero di contagi, perché alcune persone, pur avendo alcuni sintomi di Covid-19, non vengono sottoposte a tampone e dunque non entrano in questo conteggio. Ma sono dati importanti perché ci indicano con precisione lo stato di saturazione dei nostri ospedali, soprattutto per quanto riguarda i reparti di terapia intensiva. E da questi dati si ritiene di poter monitorare la tendenza dell’epidemia (si sta espandendo oppure no? E dove e in che modo?).

+++ Articolo in aggiornamento +++

Coronavirus, il bollettino della Protezione civile

Il contagio non si ferma: la situazione resta ancora molto difficile. 

  • Totale casi dall’inizio dell’epidemia: …. (+…, ieri erano 86.498);
  • Deceduti: … (+…, ieri erano 9.134);
  • Guariti: … (+…, ieri erano 10.950);
  • Pazienti ricoverati in terapia intensiva: … (+…, ieri erano 3.732);
  • Totale attualmente positivi: … (+…, ieri erano 66.414).

Coronavirus, la mappa dei contagi in Italia aggiornata dalla Protezione Civile

Qui sotto, la mappa aggiornata dei contagi da Covid-19 in Italia. I dati sono forniti dal ministero della Salute ed elaborati dalla Protezione Civile. Le zone più colpite dall’epidemia sono indicate con un pallino rosso. Il grafico in basso a destra mostra invece l’incremento giornaliero delle persone positive al virus. 

Coronavirus, i dati regione per regione

Ecco i dati suddivisi per Regione. Si tratta dei casi totali, cioè del numero di persone trovate positive dall’inizio dell’epidemia (include le persone decedute e quelle guarite). La variazione indica il numero dei nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore.

Coronavirus in Lombardia – In Lombardia i casi di contagio da coronavirus sono saliti a 39.415 (2.117 in più rispetto a venerdì), mentre i morti raggiungono quota 5.944 (+542 nelle ultime 24 ore). Cala la crescita dei ricoveri: 11.152 (+15), di cui 1.319 in terapia intensiva. Lo ha riferito l’assessore lombardo al Welfare, Giulio Gallera. E’ “drammatica” in provincia di Bergamo la situazione delle Rsa e dei centri diurni che “in soli venti giorni hanno visto oltre 600 decessi su 6.400 posti letto”: così hanno scritto i responsabili delle strutture in una lettera di richiesta di sostegno indirizzata all’Ats e alla Regione. “Mentre scriviamo la situazione – si legge nella lettera del 25 marzo – continua ad evolvere in peggio. Siamo in ginocchio anche sul versante operativo perché quasi duemila dei cinquemila operatori risultano assenti per malattia, quarantena o isolamento”.

Coronavirus in Emilia Romagna – Altri 795 casi di positività al coronavirus in Emilia-Romagna, ma “per la prima volta – commenta il commissario per l’emergenza coronavirus dell’Emilia-Romagna, Sergio Venturi, durante il bollettino quotidiano su Facebook – cala il numero dei decessi”, 77 quelli nuovi(contro la media oltre 90 dei giorni scorsi). In particolare, sono 12.383 i casi di positività al coronavirus, con 5.358 persone in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi, che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (301 in più rispetto a ieri); e un aumento di poche unità – come si sta verificando negli ultimi giorni – di quelle ricoverate in terapia intensiva, che sono 316, 8 in più rispetto a ieri. I decessi sono passati da 1.267 a 1.344: 77, quindi, quelli nuovi, di cui 44 uomini e 33 donne. Al tempo stesso, continuano a salire le guarigioni, che raggiungono quota 1.075 (115 in più rispetto a ieri), 833 delle quali riguardano persone “clinicamente guarite”, divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione; 192 quelle dichiarate guarite a tutti gli effetti perché risultate negative in due test consecutivi (+38 rispetto a ieri). Per quanto riguarda i decessi, per la maggior parte sono in corso approfondimenti per verificare se fossero presenti patologie pregresse. I nuovi decessi riguardano 22 residenti nella provincia di Piacenza, 2 in quella di Parma, 12 in quella di Reggio Emilia, 12 in quella di Modena, 8 in quella di Bologna (di cui uno nel territorio imolese), 8 in quella di Ferrara, 6 in quella di Ravenna, uno in quella di Forlì-Cesena (uno nel territorio di Forlì), 6 in quella di Rimini.

Coronavirus in Toscana – Sono 252 i nuovi casi positivi al coronavirus registrati in Toscana a ventiquattro ore dal precedente bollettino diffusi dalla Regione, analizzati nei laboratori toscani e 21 i nuovi decessi. I dati comunicati oggi dall’Assessorato alla Protezione civile riportano tuttavia un incremento del numero dei positivi, legato a una ragione tecnica rilevata nella giornata di ieri. L’incremento odierno (cioè la differenza tra il dato comunicato ieri e il dato di oggi) è di 367 soggetti positivi. L’incremento reale è però di soli 252 soggetti positivi, spiega la Regione. La differenza di 115 casi (da spalmare su una settimana) è dovuta al recupero dell’attività dei laboratori di Lucca e Grosseto, che hanno attivato il collegamento con la piattaforma regionale solo ieri. Questo inconveniente ha determinato anche il mancato aggiornamento di ieri dei dati per provincia. Salgono così a 3.817 i contagiati dall’inizio dell’emergenza. Ventotto sono finora le guarigioni virali (i cosiddetti “negativizzati”), 80 le guarigioni cliniche e 198 complessivamente i decessi. I casi attualmente positivi in cura rimangono dunque 3.511. Spetterà in ogni caso all’Istituto superiore di sanità attribuire le morti al coronavirus: nella quasi totalità dei casi, si tratta infatti di persone che avevano patologie concomitanti.

Coronavirus in Liguria –  Ad oggi sono 2419 le persone positive al coronavirus in Liguria, 90 in più rispetto a ieri. E’ il numero contenuto nel bollettino quotidiano diffuso dalla task force di Regione Liguria sull’emergenza Covid-19. Dai dati relativi ai flussi tra Alisa, l’azienda sanitaria regionale, e il ministero dei positivi totali, 1198 sono gli ospedalizzati, di cui 167 in terapia intensiva.Al domicilio ci sono 886 persone (8 in più di ieri), mentre i clinicamente guariti (ma restano positivi e sono al domicilio) sono 335. I guariti con 2 test consecutivi negativi sono 43, le persone decedute dall’inizio dell’emergenza sono 358 (27 più di ieri).

Coronavirus, i dati provincia per provincia

Coronavirus, nuova stretta sugli ingressi in Italia

E intanto entrano in vigore disposizioni stringenti per chi fa ingresso in Italia e scrupolose misure organizzative che devono adottare i vettori e gli armatori, al fine di contrastare il diffondersi del coronavirus. Lo stabilisce un’ordinanza firmata dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli e dal ministro della Salute, Roberto Speranza. Nel dettaglio, chiunque arriva nel territorio nazionale tramite trasporto di linea  aereo, marittimo, ferroviario o terrestre è tenuto a consegnare una dichiarazione che specifichi i motivi del viaggio, l’indirizzo completo dell’abitazione o della dimora in Italia dove sarà svolto il periodo di sorveglianza sanitaria e l’isolamento fiduciario, il mezzo privato o proprio che verrà utilizzato per raggiungerla e un recapito telefonico. 

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

Hanno superato i 600mila i contagi da coronavirus in tutto il mondo, secondo l’ultimo bilancio – aggiornato sabato mattina, 28 marzo – della Johns Hopkins University. Per la precisione, i casi finora registrati sono 601.478. Secondo l’ultimo bilancio, i deceduti in tutto il mondo sono 27.862 e i guariti 131.826. Al primo posto come numero di contagi ci sono gli Stati Uniti, con 104.837 casi; al secondo l’Italia con 86.438 e al terzo la Cina con 81.948. Al quarto posto c’è la Spagna, con 65.719 contagi. Qui trovate la mappa aggiornata  in tempo reale e l’evoluzione dei contagi nel mondo.
 

Fonte : Today