Oltre 50 mila casi di coronavirus in Italia. Quasi 800 morti in un giorno

Un altro bilancio con incrementi record per il nostro Paese. Secondo i numeri del capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli, in Italia si è raggiunta la cifra di 53.578 contagi totali da coronavirus, 6.557 in più in un giorno. Il numero dei morti cresce di 793 unità, di cui 546 nella sola Lombardia, porta il totale a 4.825. Sono stati quindi toccati nuovi massimi giornalieri sia per l’incremento dei decessi che per l’incremento dei contagi.

Dei 42.681 attualmente malati, Borrelli ha specificato che 22.116 sono in isolamento senza sintomi o con sintomi lievi mentre  2857 si trovano attualmente in terapia intensiva. Il resto riguarda le persone ospedalizzate. Il totale dei guariti invece è 6072, 943 nelle ultime ventiquattr’ore.

I pazienti trasferiti dalla Lombardia “sono 61, uno in più rispetto a ieri. Si lavora per rafforzare il trasferimento verso altre Regioni”. 

La situazione in Lombardia 

I dati sull’emergenza coronavirus in Lombardia “sono tutti in forte crescita”, ma “non sono dati che ci devono buttare nello sconforto ma portare a una ancora piu’ forte determinazione”. Lo ha detto l’assessore lombardo al Welfare, Giulio Gallera, in una diretta su Facebook. 

“Crescono i decessi, 3.095 nella sola Lombardia, +546, dato che ci fa più male”. Si tratta dell’incremento di decessi più alto dall’inizio dell’epidemia.  Ad oggi i pazienti positivi al coronavirus nella Regione sono 25.515 (+3.251). Questo il dato fornito nel corso del punto giornaliero. “Gli ospedalizzati sono 8.258, +523, mentre i pazienti in terapia intensiva sono 1.093, gli spazi sono sempre meno”, ha aggiunto Gallera. “Abbiamo un incremento del numero dei pazienti dimessi, che sono arrivati a 2.139. Tante persone guarite che escono in attesa della negativizzazione del tampone”

Bergamo e Brescia si confermano le province piu’ colpite dal coronavirus. Secondo i dati diffusi dall’assessore lombardo al Welfare, Giulio Gallera, nella bergamasca i contagi sono arrivati a 5.869 (+715), mentre nel bresciano i positivi sono 5.028 (+380). Piu’ distanziate, dopo Milano con 4.672 casi, ci sono Cremona (2.733, +447) e Lodi (1.693, +96).

  • 18:45

    Sale a 4809 il numero dei contagiati in Veneto, 164 i decessi

    Sale a 4809 il numero dei contagiati da coronavirus in Veneto, 192 in più di quelli conteggiati alle 8. Ne dà notizia il bollettino della Regione Veneto aggiornato alle 17 di oggi. Sale a 164 il numero totale dei decessi dall’inizio dell’emergenza, 18 in più di quelli di questa mattina. 

  • 18:40

    Borrelli: “Adottate le misure massime che si potevano adottare”

    “Le misure adottate limitano al massimo gli spostamenti. Ci sono esigenze che vanno assicurate. Sono state previste limitazioni alle attività lavorative non essenziali, ma ci sono una serie di filiere, alimentare, servizi pubblici essenziali e dei servizi, che devono essere garantite. Credo che si siano adottate le misure massime che si potevano adottare, dopodichè viene la chiusura totale del Paese ma mi chiedo come potremmo sostenerci”. Così il commissario all’emergenza Angelo Borrelli nel punto stampa.

  • 18:38

    A Brescia più di 1700 curati in un mese d’emergenza

    Un mese fa, il 21 febbraio, è entrato il primo paziente positivo agli Spedali Civili di Brescia. Ad oggi sono stati accolti e curati 1.700 pazienti in una città e provincia divenute uno degli epicentri del Covid-19. “Abbiamo cambiato completamente il nostro modo di lavorare, il nostro ambiente di cura. Abbiamo fatto tutto con grande fatica, ma con ordine – hanno spiegato agli Spedali Civili di Brescia”. 

    “I pazienti dimessi guariti sono stati 240; i pazienti in isolamento domiciliare sono 250; altre 200 persone sono state trasferite in altre strutture cittadine o lombarde. I decessi sono stati finora 174: un grande cordoglio ci unisce alle loro famiglie. Cerchiamo ancora di accompagnare bene chi nei prossimi giorni si trovasse in punto di morte. Abbiamo fatto quanto immaginabile per preservare noi operatori dal Covid-19, per restare in forze e in grado di svolgere appieno il nostro ruolo. Malgrado ciò, tanti tra noi hanno subito il contagio: a loro il nostro particolare saluto, speriamo in una rapida guarigione e in un pronto rientro”

  • 18:36

    In un giorno 181 nuovi casi e 33 decessi in Liguria

    Sono 1273 le persone positive al Covid-19 in Liguria, 181 in più rispetto a ieri. Mentre in sole 24 ore si sono registrati 33 decessi, portando il dato comunicato al ministero a 152 vittime da inizio emergenza. Secondo quanto comunicato da Regione Liguria, relativi ai flussi tra Alisa e il ministero, i positivi ospedalizzati sono 727, di cui 129 in terapia intensiva; 430 sono al domicilio (125 più di ieri). Clinicamente guariti (ma restano positivi e sono al domicilio) 116 (23 più di ieri). I guariti con 2 test consecutivi negativi sono 9 (1 più di ieri). Le persone in sorveglianza attiva sono 2090 in tutta la regione. 

  • 18:35

    Nel Lazio registrati 1086 casi positivi e 50 morti

    Il numero totale di attuali casi Covid-19 nel Lazio è di 1086. Lo ha appena reso noto la Regione attraverso Facebook. Il numero di ricoverati fuori dalla terapia intensiva è pari a 591, mentre i pazienti in terapia intensiva sono 70. In isolamento domiciliare sono 425, i deceduti fin qui 50 e i guariti 54. Il numero totale di casi esaminati, precisa infine la Regione, è di 1190.

Fonte : Agi