Ascolti tv: Tg1 sul Coronavirus, ascolti a picco. Senza Giorgino -10% di share

Lo Speciale Tg1 senza Francesco Giorgino in studio crolla. Gli ascolti della puntata di ieri, condotta da Paolo Di Giannantonio, perdono 10 punti percentuali di share. Ecco nel dettaglio quello che è successo: lo speciale dell’11 marzo – condotto dal Giorgino, aveva superato i cinque milioni e mezzo di spettatori (con uno share del 18,61%). Quello di ieri, condotto da Paolo Di Giannantonio si è fermato a 2,2 milioni con l’8,24% di share. Ma non finisce qui: lo speciale Tg1 viene  superato dal film di Rai2 (The good doctor), che nella fascia 22,12- 23.04 con quasi 2,5 milioni di telespettatori.

Tra l’altro Di Giannantonio ha sfoderato in diretta una delle più belle gaffe di sempre dicendo all’inviato Roberto Chianzari (che era in collegamento da Montecitorio) di parlare di Giuseppe Chinzari: una crasi vera e propria in quanto avrebbe avrebbe dovuto parlare in diretta di Giuseppe Conte. Ma pazienza, può capitare anche questo in diretta. 

Il vero interrogativo, però, resta uno: come mai Giorgino non era alla conduzione dello speciale? Eppure, da fonti certe, sappiamo che il giornalista pugliese è presente a Saxa Rubra da martedì scorso. La sua presunta quarantena è durata pochissimo perché il conduttore del Tg1 non ha mai avuto contatti con Sileri (risultato positivo al Coronavirus). 

Giorgino è stato messo in garage dal direttore del Tg1 Carboni? La settimana scorsa Carboni ha litigato pesantemente con Giorgino. Fonti segrete ci raccontano di una sfuriata dai toni accesi sull’uscio della porta. “E’ intervenuto Gaudenzi a placare gli animi”, racconta la nostra gola profonda. Ma non è un caso isolato, visto che lo scorso anno il direttore Carboni avrebbe litigato pesantemente con il suo vice Angelo Polimeno. La faccenda sarebbe finita persino nella mani dell’azienda con un’inchiesta interna, d cui non si conoscono ancora gli esiti. 

Intanto, il giornalista pugliese non risponde a nessuno da giorni. Sicuramente, la notizia della sfuriata di Carboni nei suoi confronti, la settimana scorsa, potrebbe avere un peso notevole in tutta la vicenda legata all’allontanamento dagli studi dello speciale Tg1. Ma gli ascolti dell’11 marzo danno ragione a Giorgino, un vero top player visto che ha portato l’asticella oltre i 5,5 milioni di spettatori durante lo speciale condotto in prima serata. Il Tg1, che perso ben 8 edizioni a favore di Rainews diretto da Antonio Di Bella, è davvero sui “Carboni” ardenti? 

Fonte : Affari Italiani