Ema Stokholma risponde a Beppe Fiorello: “Sui balconi non per far festa, non siamo scemi”

“Bisogna avere rispetto per i morti e per le loro famiglie”, così Beppe Fiorello ha espresso su Twitter tutto il suo disappunto sull’appuntamento che gli italiani si danno ogni giorno, alle 18, sui balconi per cantare. L’attore non fa sconti a nessuno, condannando anche i vari happening social di molti suoi colleghi e chiedendo silenzio per quella che definisce una “tragedia epocale”.

Parole condivise da molti, famosi e non, ma non tutti sono d’accordo. Ema Stokholma, ad esempio, sostiene esattamente il contrario, ovvero che in un momento così triste la gente “deve fare quello che sente, le persone che stanno in balcone sicuramente sanno quanto è tragica la situazione e anche se alle 18 decidono di riunirsi in balcone e di non pensarci per cinque minuti sanno quello che sta accadendo e ci pensano per tutto il resto del tempo. Non siamo scemi“. E’ quanto afferma all’Adnkronos la nota conduttrice radiofonica, dj e modella francese che da poco ha anche pubblicato un’autobiografia.

“Bisogna continuare a vivere – spiega – Un po’ capisco il suo punto di vista, ma andare sui balconi non significa fare una festa. In realtà, non stiamo festeggiando!”, tiene a sottolineare. Sull’iniziativa, lanciata oggi da tutte le radio italiane di trasmettere in contemporanea l’Inno di Mameli e tre brani (‘Azzurro’, ‘Nel blu dipinto di blu’ e ‘La canzone del sole’) Ema spiega: “La musica deve, soprattutto in questo momento, farci provare delle emozioni, di qualsiasi tipo. Io faccio fatica ad esempio a lasciarmi andare alle mie emozioni. La musica ci aiuta anche a soffrire e quindi ora più che mai dobbiamo sentirci uniti e l’Inno italiano serve proprio a questo”. 

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

“Nel resto dell’Europa (le radio, ndr) invece hanno deciso di trasmettere ‘You’ll Never Walk Alone’, un brano molto bello. Io sono della Bretagna anche se mi sento molto più italiana perché ho tutti i miei affetti qui. Ho solo mio fratello lì, lo sto sentendo e sono molto preoccupata per lui. Ma sto vivendo questa tragedia da italiana,  sono a casa mia a Roma sola con il mio cane e mi spiace non solo per l’Italia ma per il mondo!”, conclude. 

Fonte : Today