Emergenza Coronavirus, i servizi di streaming sospendono l’alta definizione in tutta Europa

A seguito dell’immenso carico di dati alla quale è sottoposta la rete internet da quando è iniziata la pandemia, l’Unione Europea ha chiesto alle principali piattaforme di streaming online di ridurre la qualità dei loro servizi per alleggerire l’intera infrastruttura.

È così che i principali servizi come Netflix e Youtube hanno deciso di abbassare la qualità dello streaming a livello standard, rinunciando all’alta definizione.

Le restrizioni dettate dal governo e l’obbligo di rimanere nelle nostre case per contrastare la diffusione del coronavirus ha determinato un forte incremento del traffico in rete, in particolar modo data la diffusione dello smart working e delle lezioni online per tutti quelli studenti che in queste settimane non possono andare a scuola.
Ma la fetta più grande del traffico internet è in gran parte legato ad attività extra lavorative, come le sessioni di gaming online e la visione di film/serie tv.

Un portavoce di Google, proprietaria di YouTube, ha così commentato: “Ci impegniamo a trasferire temporaneamente tutto il traffico sulle reti europee alla definizione standard in modo predefinito e continueremo a lavorare con i governi degli Stati membri e gli operatori di rete per ridurre al minimo lo stress sul sistema, offrendo al contempo una buona esperienza agli utenti”

Fonte : Virgin Radio