Coronavirus, il Valencia: “35% di casi positivi per l’esposizione al virus contro l’Atalanta”

Il Valencia ha comunicato nuovi casi di positività al Coronavirus. La società spagnola ha diramato un comunicato ufficiale in cui ha specificato che “tutti sono asintomatici e sono in quarantena presso le proprie abitazioni”, facendo riferimento a atleti e staff senza specificare .Nella nota del club iberico è stato fatto esplicito riferimento alla partita di Champions League contro l’Atalanta giocata al Mestalla la scorsa settimana per il ritorno degli ottavi di finale: “Nonostante le rigide misure adottate dal club dopo aver giocato a Milano, un’area fortemente a rischio come confermato dalle autorità italiane, gli ultimi risultati hanno dimostrato la positività del 35% dei tesserati”.

Ieri era arrivata la notizia del primo caso di positività per il Valencia con Ezequiel Garay e nella giornata di domenica erano stati annunciati altri  cinque membri della squadra contagiati, ma di cui non era stato specificato il nome.

Il comunicato

Questa la nota ufficiale del Valencia in merito ai nuovi contagi:

Il Valencia CF informa che ci sono nuovi casi positivi al Coronavirus COVID-19 di giocatori e tecnici della prima squadra. Tutti i casi sono asintomatici e nelle loro case con monitoraggio medico e misure di isolamento, svolgendo normalmente il piano di lavoro previsto. Nonostante le rigide misure adottate dal club dopo aver giocato una partita di UEFA Champions League il 19 febbraio 2020 a Milano, area confermata ad alto rischio dalle autorità italiane giorni. In generale, gli ultimi risultati mostrano che l’esposizione intrinseca alle parti ha causato circa il 35% dei casi positivi.

Il Valencia CF dopo questi nuovi test riscontra che il virus è altamente contagioso e insistiamo sul fatto che la popolazione rimanga a casa e segua rigorosamente tutte le misure di igiene e prevenzione già pubblicate.

Fonte : Fanpage