Dai lavoretti al riposino (a distanza): il progetto degli asili romani in aiuto alle famiglie

Gli asili romani provano a reagire all’emergenza Coronavirus e si danno da fare proponendo attività e routine quotidiane in grado di coinvolgere i bambini anche a distanza e di dare sostegno alle famiglie. E’ il caso degli asili Crescere Insieme che – almeno virtualmente – non hanno mai chiuso, con l’intento di tutelare i loro bambini in questo periodo di permanenza forzata a casa.

Canzoncine e tutorial via whatsapp alle mamme: l’iniziativa di un nido romano ai tempi del Coronavirus

#ContinuiamoaCrescereInsieme è il nome dell’iniziativa messa in campo dalla società Crescere Insieme Esperia, tra i principali operatori italiani nei servizi dedicati all’infanzia (0-6). A seguito della chiusura di tutte le scuole, sono più di 1600 i bambini utenti delle strutture gestite da Esperia rimasti a casa, con i loro genitori, per questo direttore ed educatrici hanno pensato ad un modo alternativo per essere vicini a tutte queste famiglie.

I nostri asili stanno lavorando più di prima in questi giorni perché abbiamo deciso di sostenere le nostre famiglie in questo momento di grandi paure e di difficoltà organizzative. I nuclei familiari rischiano di implodere, isolati nelle loro case a fare i conti con smart working, nonni a rischio, piccoli agitati a causa dei cambiamenti nelle loro routine, informazioni da gestire non sempre attendibili, difficoltà a contattare medici di base e pediatri. I nostri telefoni suonano continuamente, le famiglie sono in crisi“, ha commentato Domenico Crea, Direttore Generale di Crescere Insieme Esperia.

La paura dei genitori non è un’emozione negativa, è una naturale risposta legata all’istinto di sopravvivenza, ma va governata per non trasformarsi in ansia e panico con gravi conseguenze anche per i bambini. I piccoli sono destabilizzati dalle novità, per questo gli asili nido sono strutturati intorno alle ‘routine’, per dare una regolamentazione emotiva, per consentire loro di capire cosa sta per succedere. I bambini non sono ancora pronti a gestire l’inatteso, per farlo senza traumi devono essere passati per la regolarità“, ha dichiarato Margherita Fassari, Psicologa dello Sviluppo e Coordinatrice Psicopedagogica di Crescere Insieme – Esperia.

Per offrire comunque una regolarità alle famiglie e ai bambini, il team di Crescere Insieme offre quotidianamente le seguenti attività:

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

  • Al mattino la cuoca proporrà la ricetta da fare per il pranzo e i suggerimenti per i genitori
  • A metà mattina si suggerirà un lavoretto semplice che possa consentire di riempire il tempo, ma soprattutto di mantenere la continuità educativa
  • All’orario del riposino gli educatori proporranno la lettura ad alta voce delle favole della nanna (stesso rituale che può essere proposto anche alla sera)
  • La Coordinatrice di ogni asilo affiancherà, da remoto, i genitori tutti i pomeriggi, per mantenere la continuità educativa e supportare quotidianamente le famiglie
  • La psicologa si renderà disponibile attraverso linee dirette aperte ai genitori per consentire il confronto guidato, la condivisione di esperienze e la proposta di suggerimenti
  • Una linea diretta verrà mantenuta anche con tutti gli esperti dei nidi, dal pediatra al nutrizionista, per concretizzare l’aiuto ai nuclei famigliari.

E’ una crisi importante, un momento difficile in cui ognuno deve fare la sua parte e questo è quello che possiamo fare noi e lo faremo fino a che ci sarà possibile. Abbiamo provveduto a consegnare tutte le derrate deperibili presenti nelle nostre dispense alla Comunità di S.Egidio per evitare che le stesse andassero distrutte e per dare un supporto a quanti in questo momento ne hanno particolarmente bisogno. Stiamo già provvedendo anche alla sanificazione dei locali delle nostre strutture, utilizzando le ultime e più avanzate tecnologie presenti sul mercato, per essere pronti ad accogliere i bambini in ambienti sicuri appena sarà possibile”, ha concluso Domenico Crea. 

Fonte : Roma Today