Dallo spazio il fermo immagine di una stella in trasformazione.

Un team internazionale di astronomi ha utilizzato una complessa rete di telescopi chiamata “Alma” (Atacama Large Millimeter / submillimeter Array), puntandoli su W43A, un vecchio sistema stellare a circa 7000 anni luce dalla Terra nella costellazione dell’Aquila, e ha catturato il momento in cui una stella inizia a modificare il suo ambiente. I ricercatori, coordinati da Daniel Tafoya della Chalmers University of Technology, in Svezia, grazie all’alta risoluzione dei telescopi, sono riusciti così ad ottenere una visione molto dettagliata dello spazio attorno a W43A, utile per capire come si formano le complesse forme delle nebulose planetarie. Nello scatto, i getti bipolari ad alta velocità espulsi dalla stella sono visibili in blu, il deflusso a bassa velocità è mostrato in verde e le nuvole polverose trascinate dai getti sono mostrate in arancione. 

Il fermo immagine catturato (Credit: ALMA [ESO/NAOJ/NRAO], Tafoya et al.)

Le caratteristiche dei getti di gas

Come si può leggere anche sul sito dell’ateneo svedese, le stelle come il Sole quando la loro vita sta per volgere al termine, assumono le dimensioni di una gigante rossa per poi trasformarsi in una nana bianca. Il corpo celeste quindi espelle dei gas, che formano un residuo chiamato, per l’appunto, nebulosa planetaria. La stella che gli astronomi hanno individuato e osservato con Alma, nello specifico, è stata identificata mentre espelleva getti di gas bipolari (stimati con un’età inferiore ai 60 anni) ad alta velocità (pari a circa 175 km al secondo) che si scontravano con il materiale circostante. Esiste un’ampia varietà nelle forme delle nebulose planetarie, scrivono gli esperti. Alcune sono sferiche, ma altre sono bipolari o mostrano strutture complicate. Gli astronomi sono interessati alle loro origini ma la polvere e il gas densi espulsi da una stella datata, spesso rendono difficile indagare il funzionamento interno del processo. Ecco che Tafoya ed il suo team si sono serviti dei telescopi per aggirare questa problematica.

Una visione dettagliata

Grazie all’alta risoluzione di Alma, infatti, gli esperti hanno ottenuto una visione molto dettagliata dello spazio attorno al sistema W43A e il fermo immagine che ne è scaturito è riuscito a mappare chiaramente la distribuzione delle nuvole polverose prodotte dai getti, a riprova che la stella sta in qualche modo influenzando l’ambiente che la circonda. Gli esperti presumono che queste nuvole siano la chiave per formare una nebulosa planetaria a forma bipolare. Nello scenario ipotizzato, la stella in origine avrebbe espulso il gas sfericamente e il nucleo avrebbe perso il suo involucro.  

Via Lattea, scoperta enorme onda di g...

Via Lattea, scoperta enorme onda di g...


Fonte : Sky Tg24