Coronavirus, l’Italia si è fermata o quasi: l’analisi degli spostamenti via gps

Un calo netto del 50% degli spostamenti da una provincia ad un’altra e una riduzione altrettanto evidente degli incontri tra le persone. E’ il primo indicatore, basato su dati reali, del cambiamento della mobilità e della socialità degli italiani dopo i provvedimenti che hanno trasformato l’intero paese in una ‘zona protetta’ per il coronavirus, emerso della ricerca “Covid-19 Mobility Monitoring project” realizzata dalla fondazione specializzata in Data science Isi, dalla società statunitense Cuebiq e dall’università di Torino. Per tracciare i movimenti degli italiani i sei ricercatori coinvolti nel progetto hanno utilizzato la localizzazione di 170 mila smartphone, riuscendo a mappare provincia per provincia cosa è accaduto subito dopo il caso del paziente uno di Codogno.Coronavirus, le regole degli spostamenti: cosa si può fare e cosa è vietatoin riproduzione….
Fonte : Repubblica