Coronavirus: i romani riscoprono i rapporti di vicinato e si preparano alla prima domenica chiusi in casa

Prima domenica chiusi in casa per l’emergenza Coronavirus. Anche a Roma come nel resto d’Italia i cittadini si sono risvegliati in un clima atipico e surreale. Le prescrizioni imposte dal Governo per il contenimento della diffusione del Covid19 sono state recepite appieno ed i romani riscoprono i rapporti di vicinato ed il senso di comunità. Tra flash mob sonori e chiacchiere in fila per acquistare generi di prima necessità non mancano i gesti di solidarietà e di aiuto al vicino di casa. 

Una Roma che ci piace”, scrive la Sindaca Virginia Raggi su Twitter. “Cittadini con vassoi e buste pieni di dolci, pizze e manicaretti. Li stanno portando all’ospedale Spallanzani per i medici e gli infermieri che da giorni sono in prima linea contro il coronavirus. Questa è la Roma che ci piace.Andiamo avanti, insieme ce la faremo. #Andràtuttobene””. 

Flash mob sonori e appuntamenti musicali

Fra una lettura, un disegno dei bambini, videocall su Skype, utilizzo di chat e profili social, sono tante le iniziative virtuali e non che in questi giorni si susseguono come i flash mob sonori che venerdì e sabato hanno visto i romani puntuali alle 18:00 affacciarsi a balconi e finestre ed intonare prima l’Inno di Mameli e poi Azzurro di Adriano Celentano, in attesa di uscire anche domenica per l’appuntamento sonoro sulle note de “Il cielo è sempre più blu”.

Coronavirus nel Lazio: i bollettini del 14 marzo 2020

Misure urgenti per il contenimento del Coronavirus che visti i numeri dell’Assessorato alla Sanità diventano necessarie. Alla data di sabato 14 marzo sono infatti 357 i casi nella regione Lazio positivi al COVID19. Di questi, 114 sono in isolamento domiciliare, 181 sono sono ricoverati non in terapia intensiva, 25 sono ricoverati in terapia intensiva, 13 sono deceduti e 24 guariti. 

Un incremento di 80 persone positive al Coronavirus, con i dati di venerdì 13 marzo che indicavano 277 positivi. Due i decessi, fra i quali una donna di 75 anni alla Asl di Latina con gravi patologie preesistenti. Si tratta della moglie di un altro paziente deceduto pochi giorni fa. 

Coronavirus: le altre notizie della giornata

Sciacalli ai tempi del Coronavirus

“Andrà tutto bene”: gli arcobaleni dei bambini a RomaToday 

Metro e bus ridotti: la protesta dei lavoratori ospedalieri

Sospesi i canoni degli impianti sportivi comunali

De Rossi e Acerbi donano sangue per l’emergenza Covid19

Testaccio: la paura degli anziani e gli aiuto del portierato

Ordine medici: “Stiamo ripetendo errori della Lombardia”

L’intervista: l’università ai tempi del Coronavirus

Flash mob sonoro: romani sul balcone cantano Azzurro

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.

Attendi solo un istante
Forse potrebbe interessarti

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

Applausi ai medici impegnati nell’emergenza Coronavirus
 

Fonte : Roma Today