Ritorno al futuro: Michael J. Fox non potrebbe tornare in un quarto film

Bob Gale, celebre sceneggiatore della trilogia de Ritorno al futuro, ha spento per l’ennesima volta le speranze dei fan sull’ipotetico quarto capitolo del franchise cult degli anni ’80. Parlando alla BBC, Gale ha spiegato che lui e Robert Zemeckis hanno rifiutato diverse volte nel corso degli anni le offerte per girare un nuovo film.

“Non vendi i tuoi figli alla prostituzione. Era la cosa sbagliata da fare. Abbiamo inserito ‘The End’ alla fine della terza parte” ha spiegato Bob Gale.
L’autore ha lavorato invece ad una versione musical del franchise:“Non vogliamo rovinare l’infanzia e fare un musical è stato il modo perfetto per dare al pubblico più Ritorno al futuro senza incasinare ciò che è accaduto prima”.

Secondo un sondaggio del 2018, Ritorno al futuro sarebbe la saga che i fan vorrebbero rivedere al cinema con un nuovo capitolo, preferendolo a Indiana Jones e Hunger Games.
Un altro motivo per accantonare definitivamente il progetto di un quarto film è l’impossibile ritorno di Michael J. Fox a causa della malattia di cui soffre ormai da molti anni:“Con il Parkinson per Michael J. Fox sarebbe impossibile essere la versione adulta di Marty McFly. Penso che il pubblico voglia ricordare Michael J. Fox prima del morbo di Parkinson”.
E nessun fan, probabilmente, vorrebbe vedere un Ritorno al futuro senza Michael J. Fox. L’unico favorevole ad un nuovo film sembra essere Doc Brown: Christopher Lloyd ha ammesso che tornerebbe in Ritorno al futuro, nel caso ci fosse un’idea interessante da sviluppare.
Negli ultimi giorni è circolato un video deepfake di Ritorno al futuro con Tom Holland e Robert Downey Jr. nei panni di Marty e Doc.

Fonte : Everyeye