Morto Max Conteddu, ha raccontato su Twitter la sua malattia con poesia e humor

E’ morto Massimiliano ‘Max’ Conteddu, star di Twitter, dove era conosciuto come @Istintomaximo. Aveva conquistato il social dell’uccellino blu, con i suoi post ironici e romantici con i quali raccontava il suo tumore al cervello. Il ragazzo sardo, autore anche del libro Le cinque chiavi, dopo la drammatica scoperta aveva deciso di condividere tutto della sua malattia coi suoi oltre 40 mila follower: dalla scoperta del tumore maligno alla difficoltà delle cure, che affrontava senza nascondere le lacrime e il dolore, ma soprattutto la voglia di continuare a vivere e di combattere. 

Il suo ultimo tweet risale al 10 febbraio scorso, quando ha pubblicato 9 cuori e uno zero finale che alcuni hanno interpretato come un conto alla rovescia. 

Il giorno prima scriveva: “Tenete in tasca un po’ di sole. Ne avrete bisogno quando farà buio nella vostra vita“, scriveva nel suo ultimo post pubblicato l’8 febbraio scorso. 
Tenete in tasca un po’ di sole. Ne avrete bisogno quando farà buio nella vostra vita. pic.twitter.com/CjUkHf4hkj— Max Conteddu (@istintomaximo) February 8, 2020
E qualche giorno prima aveva invitato i suoi follower: “Fate, dite, scrivete cose belle, ne abbiamo tutti bisogno”.
Fate, dite, scrivete cose belle. Ne abbiamo tutti bisogno. pic.twitter.com/zdVW1sDIup— Max Conteddu (@istintomaximo) January 16, 2020
Originario di Siniscola, Max Conteddu aveva iniziato la sua battaglia un anno fa e ai tanti followers che paragonavano la sua vicenda a quella di Nadia Toffa aveva risposto in maniera molto diretta: “Chiariamoci una volta per tutte: lei definì il tumore come un dono, perché le aveva fatto aprire gli occhi. Ma io gli occhi li avevo già aperti prima di questo intruso. Non è un dono, è una maledizione. Nadia, resti comunque una guerriera”, diceva. Ma nei suoi messaggi c’era anche uno straordinario senso dell’umorismo.
Parlo come Darth Vader con questa maschera. Che la FORZA sia con me. pic.twitter.com/sxg07NoP1k— Max Conteddu (@istintomaximo) January 29, 2020 Max aveva anche fondato l’associazione Kaboom, attraverso la quale organizzava numerose iniziative sugli argomenti che più gli stavano a cuore: la politica al tempo dei social, l’istruzione per i giovani e i temi dello sviluppo legati a Siniscola e al borgo marino di Capo Comino nel quale viveva. Era tornato nella sua casa di Siniscola solo di recente, dopo gli studi in Scienze della Comunicazione a Sassari, città dove aveva lavorato per alcuni anni.

Tanti i messaggi d’affetto dei suoi fan sui social e l’hashtag #CiaoMax è primo trending topic su Twitter in Italia.


Fonte : Repubblica