Coi palloncini si può scolpire di tutto: parola di questo tizio

L’ossessione di Jeremy Telford ha dato i suoi frutti: ha fondato un’azienda ed è entrato nel Guinness dei record creando sculture giganti. In questo video però ti racconta anche gli aspetti complicati della sua professione

Jeremy Telford, il protagonista del video qui sopra, ha un’azienda con cui partecipa a fiere, eventi aziendali e feste private. Ma non si occupa di catering: al centro del suo lavoro ci sono i palloncini. Telford è proprietario della Ballon Guy Entertainment, che ha sede nello Utah. Non ci sono limiti a ciò che l’artista riesce a scolpire con i palloncini: come vedrete, può ricreare una delle sette meraviglie del mondo, ma anche il quadro di Van Gogh La notte stellata o il Demogorgon di Stranger Things.

Non è affatto facile generare grandi sculture con i palloncini, nemmeno quelle più semplici: Telford ha impiegato 80 ore e oltre 8mila palloncini per creare un ballon dog – come quello di Jeff Koons, diciamo, ma più grande, molto più grande – che nel 2015 è entrato nel Guinness dei record. Piano con l’invidia, però: per ottenere simili risultati bisogna saper far di conto, scegliere i palloncini giusti a seconda del diametro, ordinarli e naturalmente gonfiarli (ovviamente non a fiato, a meno che non siate Superman).

Bisogna essere maniacali nei dettagli, ma anche dare alle sculture senso del movimento e qualità. Telford per il suo successo deve ringraziare la moglie e il cognato, che lo hanno introdotto all’arte dei palloncini al tempo del college. Infine, una nota dolente: come si smonta una scultura fatta di palloncini? Con il tosaerba – e, a giudicare da quanto si vede nel video, anche in questo c’è del divertimento.

Fonte : Wired