Coronavirus: in due settimane 64 pazienti sottoposti al test, in 18 restano in cura allo Spallazani

Proseguono, da ormai due settimane, le indagini e i test all’ospedale Spallanzani di Roma per contrastare l’infezione de coronavirus. I medici, nel bollettino del 12 febbraio, hanno fatto un nuovo punto sul caso confermando le condizioni di salute soddisfacienti dei tre casi positivi.

I due cittadini cinesi provenienti dalla città di Wuhan continuano a essere ricoverati in isolamento nella terapia intensiva del nostro Istituto. Le loro condizioni cliniche sono invariate con parametri emodinamici stabili. Continuano terapia antivirale. La prognosi resta riservata. Il cittadino italiano di ritorno dalla città di Wuhan caso confermato di infezione da nuovo coronavirus, è in buone condizioni generali e soprattutto afebbrile. Continua la terapia antivirale“, dicono dallo Spallanzani.

Le 20 persone, che non presentano alcun sintomo e che hanno avuto contatto con la coppia cinese positiva all’infezione da nuovo coronavirus, sono sempre in buone condizioni generali: “Sono risultati tutti ripetutamente negativi ai test per la ricerca del nuovo coronavirus”.

Quindi l’Istituto conclude con un quadro generale della situazione: “Sono stati valutati, ad oggi, presso la nostra accettazione 64 pazienti sottoposti al test per la ricerca del nuovo coronavirus. Di questi, 46, risultati negativi al test, sono stati dimessi. Diciotto pazienti sono tutt’ora ricoverati (3 sono casi confermati; 14 sono pazienti sottoposti a test per la ricerca del nuovo coronavirus in attesa di risultato e un solo paziente rimane comunque ricoverato per altri motivi clinici)”.

Fonte : Roma Today