Birds of Prey, a Cathy Yan non è stato chiesto di creare un setting per The Suicide Squad

Con un incasso mondiale di 81 milioni di dollari nel mondo, di cui appena 33 in patria, Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn non si sta comportando bene al boxoffice mondiale, e del cinecomic è recentemente tornata a parlare anche la regista Cathy Yan ai microfoni del sito JOE.ie.

Rispondendo a una domanda che chiedeva all’autrice se la Warner Bros. le avesse imposto in qualche modo una sorta di setting per il personaggio di Harley Quinn (Margot Robbie) per il prossimo The Suicide Squad di James Gunn, in uscita il prossimo anno, la regista ha risposto senza indugi: “No, francamente no. Penso sia una delle cose liberatorie del far parte dell’universo dc come cineasta, in questo momento: il fatto di essere in grado di lavorare sui nostri film per renderli pezzi autonomi e originali”.

In merito è intervenuta anche Sue Kroll, produttrice di Birds of Prey, che facendo eco ai commenti della Yan ha rivelato l’esistenza di una piccola connessione con il film attraverso una foto di Captain Boomerang (Jay Courtney): “Il film è stato progettato per essere autonomo come poi sarà anche The Suicide Squad di James Gunn, ma dato che il mondo è lo stesso abbiamo inserito queste piccoli connessioni organiche e molto interessanti, ma non c’è stato alcun tipo di consultazione tra i vari registi”.

Vi lasciamo alla nostra recensione di Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn.

Fonte : Everyeye