Come si inserisce C’Era Una Volta a Hollywood nel Tarantino Cinematic Universe?

Forse non tutti sanno che, escluso Jackie Brown (basato sull’unica sceneggiatura non originale dell’autore), tutti i film di Quentin Tarantino condividono lo stesso universo narrativo, a sua volta diviso in due categorie.

La prima categoria è quella che lo stesso regista definì “Più Reale del Reale“, che racchiude i film ‘realistici’ in base alla poetica dell’autore (Le Iene, Pulp Fiction, Una Vita al Massimo, Bastardi Senza Gloria, Django Unchained, The Hateful Eight) mentre la seconda categoria è quella dei “Film Dentro ai Film“, composta da tutti quei film che i personaggi della prima categoria andrebbero a vedere nei cinema del loro mondo (e quindi Kill Bill, Dal Tramonto all’Alba, A Prova di Morte), e come forse alcuni di voi sapranno nell’universo Più Reale del Reale i personaggi possono apparire o essere citati tramite parentele in altri film.

Quindi, tenendo a mente questa premessa, come si inserisce Once Upon a Time a Hollywood nell’Universo Cinematografico di Tarantino?

Semplice: il film con Leonardo DiCaprio e Brad Pitt esiste nella prima categoria, insieme a Reservoir Dogs, Pulp Fiction, Bastardi Senza Gloria, Django Unchained, The Hateful Eight e True Romance (anche se quest’ultimo è stato diretto da Tony Scott), dato che la storia di Rick e Cliff ha dei legami con altri film di Tarantino.

La connessione più semplice da notare è quella con Bastardi Senza Gloria, col film The 14 Fists of McCluskey, l’apice della carriera di Rick Dalton, chiaramente ispirato alla storia di Shoshanna e di Aldo Raine, considerati veri e propri eventi “storici” nell’universo Più Reale del Reale. Un’altra connessione è quella con Django Unchained, dato che il set usato per la serie TV Bounty Law, altra perla della carriera di Dalton, è quello della città di dove il Dr. Schultz invita Django a lavorare con lui, e proprio come con Bastardi Senza Gloria, è possibile che la stessa Bounty Law sia stata ispirata dagli eventi di Django Unchained (dopotutto, le avventure dei cacciatori di taglie Django e Schultz sono sicuramente diventatic celebri racconti popolari nei decenni successivi, al pari dei nostri Billy The Kid e Jesse James).

E chissà che Randy e Jenet, interpretati in Hollywood da Kurt Russell e Zoë Bell, non siano riconducibili ai personaggi di Death Proof, film che potrebbe benissimo comparire nei curriculum dei due coniugi produttori.

In pratica Sharon Tate è ancora viva quando Vincent Vega viene ucciso da Butch Coolidge, mentre per tutti loro Hitler fu assassinato in un cinema di Parigi. E, chissà, 14 Fists of McCluskey potrebbe essere il film preferito di Clarence e Alabama.

Per altri approfondimenti vi rimandiamo ad un saggio sulle tre migliori scene di C’Era Una Volta a Hollywood.

Fonte : Everyeye