Il coronavirus cinese diventa un malware: ecco come difendersi

UN VIRUS informatico che sfrutta la paura diffusa per il coronavirus arrivato dalla Cina comincia a inondare le caselle di posta degli utenti. L’allarme parte da un rapporto Ibm X-Force con Kaspersky uscito questa settimana. Le email hanno in allegato file pdf, mp4 e docx, che si spacciano per istruzioni testuali o video su come proteggersi dal coronavirus, aggiornamenti sulla minaccia e persino procedure per rilevare l’infezione.

Se gli allegati sono aperti, con un programma dotato di macro attive, il virus viene eseguito. In particolare, si tratta del malware ‘bancario’ Emotet, uno dei più pericolosi in questi mesi e perlopiù diffuso dai criminali via posta. Emotet è particolarmente affamato di dati di accesso a banking online. Li va a cercare sul computer della vittima, dove si è installato. I criminali possono così utilizzarli, spesso con l’aiuto di altre tecniche di attacco, per sottrarre soldi dal conto degli utenti.

Sicurezza
Fonte : Repubblica