Christopher McQuarrie non chiederà mai più a Warner di realizzare un film su Superman

Christopher McQuarrie, regista degli ultimi due capitoli di Mission: Impossible, è tornato a parlare di quando ha proposto a Warner Bros. di realizzare un nuovo film di Superman.

“Allo studio non sono mai interessate le mie idee originali. Preferivano che aggiustassi quelle che non funzionavano” aveva spiegato il regista lo scorso luglio. “Non hanno mai detto di no. Semplicemente non hanno mai avviato i progetti. Questo anche appena prima dell’uscita di Fallout. E no, non cambierei idea. Ci sono troppe cose che voglio realizzare.”

In queste ore, rispondendo su Twitter riguardo a un suo eventuale film sull’Uomo d’Acciaio, McQuarrie ha ribadito: “Ho chiesto una volta. Non lo chiederò più.”

Dopo l’intervento critico di Robe Liefield, il creatore di Deadpool, sull’operato della Warner, il regista ha però ammesso di comprendere le decisioni prese dallo studio. “Hanno i loro problemi e li capisco. Profondamente. Ma dopo 25 anni di rifiuti, anche un idiota come me capirebbe il messaggio. Vado dove vengo apprezzato.”

McQuarrie si riferisce ovviamente alla recente collaborazione con Paramount, che dopo il successo di Mission: Impossible – Rogue Nation e Fallout ha deciso di affidargli due nuovi capitoli della saga che saranno girati back-to-back e arriveranno nelle sale rispettivamente nel 2021 e 2022.

Per altre notizie sui sequel, dopo l’aggiunta di Nicholas Hoult nel cast di Mission Impossible 7 e 8, è stato da poco confermato anche il ritorno di Simon Pegg.

Fonte : Everyeye