L’Italia si ferma: il Pil con il segno meno mette il freno al politiche fiscali del Governo

Il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri in una foto di archivio Ansa/A. Di Meo

Battuta d’arresto per l’economia italiana: secondo gli ultimi dati Istat relativi al Pil, nel quarto trimestre del 2019 il prodotto interno lordo è calato dello 0,3% interrompendo la debole tendenza positiva prevalsa nell’arco dei quattro trimestri precedenti.

“Tale risultato negativo determina un abbassamento del tasso di crescita tendenziale del Pil, che scende a zero dallo 0,5% del trimestre precedente”.

Se il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri confida in “un rimbalzo nel primo trimestre del 2020” come spiegano le associazioni sindacali e datoriali si tratta di stime peggiori rispetto alle già “non positive” attese. In particolare – secondo quanto riportato dal bollettino dell’istituto di statistica – sarebbero in sofferenza industria e agricoltura “a fronte di un sostanziale ristagno per l’insieme del terziario”.

pil italia-4

“È la più grave contrazione congiunturale dell’attività economica dall’inizio del 2013 – spiega l’ufficio studi di Confcommercio – ennesima conferma di una perdurante fase di stagnazione dalla quale si può uscire solo con un recupero della produttività sistemica”.

Se i dati economici verranno confermati verrà messa una seria ipoteca sugli obiettivi di spesa del governo. In questa condizione sarà sempre più difficile intervenire sui rapporti di finanza pubblica vincolando qualsiasi progetto di riforma strutturale a far di conto con gli spiccioli dell’erario.

Inoltre con un tale tasso di decrescita, l’impegno del Governo per le note politiche di defiscalizzazioni, passate alla cronaca come il taglio del cuneo fiscale in calendario per il prossimo luglio, dovranno tenere conto di maggiori vincoli di bilancio.

Per la stessa ragione, tali progetti sono ancora più urgenti. Per ottenere concreti risultati, a questo punto è davvero necessario un impegno straordinario da parte di tutte le componenti della società”.

Fonte : Today