Nasa, italiana la “ del giorno” del 30 gennaio

E’ di Rolando Ligustri, esperto astrofilo che osserva il cielo dal 1974 e segue le comete sin dal 1986, la foto del giorno secondo la Nasa. Il suo scatto, che si è aggiudicato il prestigioso riconoscimento giovedì 30 gennaio, si intitola “Two Clusters and a Comet” e ritrae la cometa PanSTARRS (chiamata anche C / 2017 T2) in un’immagine composita che rappresentata le tre posizioni occupate dal corpo celeste nelle notti del 24, 26 e 28 gennaio scorsi.

Una cometa scoperta nel 2017

Nello scatto è possibile vedere la cometa, che è stata scoperta nel 2017 mentre era ancora oltre l’orbita di Saturno così come spiega anche il sito dell’Unione Astrofili Italiana, intenta ad attraversare un campo stellare nei pressi della costellazione di Perseo. Nello specifico, come racconta anche la didascalia della foto apparsa sul sito di APOD (Astronomy Picture Of the Day) la cometa transita nei pressi del doppio ammasso h e Chi Persei. Questi due ammassi stellari, già noti agli astrofili e visibili sia con il binocolo sia a occhio nudo quando il cielo è particolarmente scuro, sono catalogati come NGC 869 e NGC 884. Tutti e due i gruppi di stelle distano circa 7000 anni luce e contengono stelle molto più giovani e più calde del Sole.

Lo scatto di Rolando Ligustri (Apod – CARA Project, CAST)

La dodicesima volta

Per Ligustri, che è stato per 13 anni presidente del circolo astrofili di Talmassons, comune friulano a 21 chilometri da Udine, non si tratta di una prima volta. L’esperto, infatti, ha ottenuto per la prima volta il riconoscimento dell’Apod nel 2009, arrivando con la foto della cometa PanSTARRS ad ottenere il significativo traguardo per la dodicesima volta. Da oltre 10 anni, spiega ancora il sito dell’Uai, Ligustri è appassionato di telescopi remoti, attento a monitorare la situazione dell’inquinamento luminoso in Italia.

Una notte “elettrica”

Tra le più recenti “foto del giorno” italiane, c’è anche quella del 4 dicembre scorso di cui è stato protagonista il fotografo sardo Ivan Pedretti, con il suo scatto dal titolo “Electric Night” in cui è riuscito a catturare un momento particolarmente emozionante, direttamente dal faro di Capo Spartivento, promontorio della Sardegna sud-occidentale che costituisce il limite orientale del golfo di Teulada e il limite occidentale del golfo di Cagliari. Pedretti è riuscito a catturare attraverso il Mar Mediterraneo, un temporale minaccioso, con diversi fulmini immortalati nel corso dell’esposizione grandangolare durata 25 secondi. Più in lontananza, sparse per il cielo, ci sono miliardi di stelle che compongono tutte insieme la banda centrale della nostra Via Lattea.

Siamo soli nell'universo? Così la Nas...

Siamo soli nell'universo? Così la Nas...


Fonte : Sky Tg24