Torino. Studente rischia di morire a scuola, salvato da prof e bidelli col defibrillatore

Uno studente è stato salvato grazie all’intervento di una insegnante, di un bidello e dall’utilizzo del defibrillatore della scuola. È avvenuto questa mattina 30 gennaio al liceo Giordano Bruno di Torino. Il ragazzo, 21enne, studente dell’ultimo anno, si è sentito male durante l’ora di lezione: era davanti ai compagni e ai docenti che quindi hanno chiamato il 118 e contemporaneamente, viste le condizioni che sono sembrate molto serie sono intervenuti personalmente. Tempestiva quanto determinante si è rivelata l’azione in particolare dell’insegnante e di un bidello. “Lo hanno confermato anche al Pronto soccorso, dove è stato portato immediatamente” raccontano dall’Asl.

Determinante il corso formativo

Come riporta La Stampa, solo una settimana fa il personale della scuola torinese, a partire dai collaboratori ATA, docenti e amministrativi, aveva deciso di partecipare a un corso formativo e di aggiornamento per intervenire in caso di arresto cardiaco. E questo si è rivelato importantissimo per la salvezza del giovane. “Si tratta del defibrillatore numero 250 da noi donato e installato nell’Aprile del 2016” spiega a proposito dell’apparecchio utilizzato Marcello Segre, presidente dell’Associazione Italiana Cuore e Rianimazione Lorenzo Greco Onlus. Il ragazzo è trasportato al San Giovanni Bosco di Torino, dove è stato stabilizzato. Non è in pericolo di vita e si riprenderà.

Fonte : Fanpage