Coronavirus, due casi sospetti su una nave da crociera: bloccati in 6mila a Civitavecchia

La Costa Smeralda, la nuova ammiraglia Costa Crociere, in occasione del primo accosto a Savona. Savona, 20 Dicembre 2019. ANSA/UFF STAMPA COSTA CROCIERE/LUCA ZENNARO

Una nave da crociera è bloccata a Civitavecchia a causa della febbre alta riscontrata su due passeggeri di origine asiatica: è scattato il protocollo d’emergenza coronavirus. A bordo è intervenuta la squadra di lavoro d’emergenza coronavirus da poco allestita dalla Asl locale, il ministero della Salute è stato allertato. Sono stati presi i campioni dai due cittadini asiatici e portati d’urgenza a Roma per una verifica. Si tratterebbe di una coppia arrivata da Hong Kong all’aeroporto Malpensa di Milano lo scorso 25 gennaio per poi dirigersi a Savona, dove era salita sulla nave. Durante il suo tour, la nave aveva fatto tappa a Marsiglia, Barcellona e Palma di Maiorca.

Virus Cina: controlli su una nave da crociera a Civitavecchia

Nel momento in cui scriviamo, migliaia di passeggeri – seimila circa – e il personale sono ancora a bordo. I pullman, treni speciali, ncc e taxi pronti al trasferimento dei crocieristi a Roma e nelle altre località sono fermi, vuoti, nel piazzale antistante il porto.

Caso sospetto di coronavirus che si aggiunge ad un altro ricovero con attivazione del protocollo d’emergenza avvenuto nella serata di mercoledì 29 gennaio in via Cavour a Roma, dove un turista cinese con febbre alta è stato trasportato all’ospedale Spallanzani per il test. 

Intanto, è stata potenziata la sala operativa che risponde con medici e professionisti sanitari al numero verde 1500 attivo 24 ore su 24 sull’emergenza coronavirus. Lo ha deciso nell’incontro di oggi la task force del ministero della Salute. Proseguono regolarmente i controlli e il monitoraggio costante. Al momento – sottolinea il ministero in una nota – tutti i casi sospetti segnalati in Italia si sono rivelati infondati.

Coronavirus in Italia, controlli alti e nessun allarme: il punto della situazione

Fonte : Today