Gabriel Luna ha pensato a uno stand-alone sul suo Rev-9 in Destino Oscuro

Il franchise Terminator ha regalato al pubblico una serie di villain micidiali, a cominciare ovviamente dal T-800 di Arnold Schwarzenegger. Nell’ultimo episodio della saga, Terminator: Dark Fate, Gabriel Luna interpreta invece Rev-9. L’attore ha recentemente parlato a Comicbook.com del film e della sua esperienza sul set.

“Siamo tutti molto orgogliosi del film” ha raccontato l’attore, nonostante gli scarsi risultati del film. Per quanto riguarda il suo rapporto con il franchise Terminator, Gabriel Luna ammette di “esserne innamorato da sempre. Ero molto emozionato, perché avrei imparato sempre di più su ciò che la macchina è in grado di fare e la mia immaginazione si scatenava”. Allo stesso tempo, però, “sai che ci sono state alcune grandi esibizioni prima di te e la cosa ti mette una buona dose di pressione.”

L’attore ha poi parlato dell’utilizzo della computer grafica e del fatto che, per il primo terzo del film, non pronuncia alcuna battuta e si esprime soltanto attraverso la sua fisicità. “Penso sia una questione di narrazione fisica e di essere sicuri di sé, a proprio agio nel corpo e nello spazio. Convinciti di riuscire a mantenere la tensione nei tuoi occhi e questa sarà trasmessa. Non mi andava di bussare alla porta di Tim [Miller, il regista] e dire: Ehi, scrivimi più parole. È stato emozionante, un po’ come una sfida.”

Sul futuro del franchise e su un suo ritorno, Luna non si è sbilanciato. “Penso momento per momento. Non avevo preso in considerazione l’idea di tornare, ma dopo la fine del film, durante il tour stampa, vedendo le reazioni del pubblico al Nuovo Terminator, come chiamano tutti il mio personaggio, ho scherzosamente buttato lì l’idea di un film autonomo, qualcosa alla Joker. Sai, un film sull’anatomia di una macchina killer.”

La versione home video di Terminator: Destino Oscuro contiene anche alcune scene inedite.

Fonte : Everyeye