SAG-AFTRA: in vigore i nuovi protocolli per tutelare gli attori nelle scene di sesso

Lo Screen Actors Guild – American Federation of Television and Radio Artists, o più sinteticamente SAG-AFTRA, è uno dei sindacati più importanti dell’industria cinematografica e rappresenta ben 160 mila tra attori, doppiatori e cantanti e l’ultima proposta, da oggi in vigore, riguarda la sicurezza del cast durante le scene di sesso.

La nuova serie di protocolli andrà a rafforzare la figura degli “intimacy coordinators”, o responsabili delle scene d’intimità, che fanno da intermediari tra attori e produzione, si assicurano che tutte le parti siano ben informate sulle scene e, soprattutto, di avere il consenso di tutti prima di girarle.

Gabrielle Carteris, presidente della SAG-AFTRA, ha dichiarato:

“È stato estremamente efficace collaborare con i nostri partner del settore mentre lavoriamo per standardizzare i protocolli per i coordinatori. Questi, grazie a determinate linee guida, aiuteranno a normalizzare e incoraggiare l’uso dei coordinatori dell’intimità nelle produzioni, garantendo quindi la sicurezza dei membri della SAG-AFTRA mentre lavorano. I coordinatori svolgono un ruolo fondamentale assicurando la sicurezza degli artisti e garantendo che siano soddisfatte le esigenze creative di una produzione.”

David White, direttore esecutivo del sindacato, continua:

“Queste linee guida affrontano direttamente il problema delle molestie sessuali sui set: è un homerun per i nostri membri e per l’intero settore. Siamo grati per il loro contributo e per il feedback già ricevuto dai soci e dai partner del settore che hanno anche già lavorato con noi e che hanno espresso l’entusiasmo per la chiarezza fatta su questo tema. Per tutti noi il lavoro da fare è ancora tanto, compresa la formazione standardizzata e l’espansione del numero di professionisti esperti che ricoprono il ruolo di coordinatori. Questi standard e protocolli pongono solide basi per il loro aumento e per il continuo cambiamento necessario per eliminare la piaga delle molestie sessuali nel nostro settore. “

Fonte : Everyeye