Pagamenti in contanti, arrivano i nuovi limiti: attenzione alle sanzioni

Banconote e monete, i cosiddetti “contanti”, ad oggi ancora il metodo di pagamento più diffuso, nel prossimo futuro usciranno piano piano dall’abitudine collettiva. Non soltanto in virtù delle ultime norme fiscali che mirano a privilegiare i pagamenti elettronici, in quanto tracciabili, ma anche perché nei prossimi mesi scenderà (e di molto) il tetto massimo di quanto si potrà pagare in contanti.

Pagamenti in contanti, i nuovi limiti

Attualmente il limite stabilito è di 3mila euro, ma la legge n°157 del 19 dicembre 2019, il cui testo integrale è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n° 301 del 24 dicembre, ha introdotto nuove disposizioni sui pagamenti in contante. Vediamo nel dettaglio quali sono le modifiche al regime attuale che entreranno in vigore nei prossimi mesi e che è meglio conoscere per evitare brutte sorprese. 

Le novità diventeranno “attive” in due diversi momenti, due step che faranno scendere in maniera graduale l’attuale limite di 3mila euro per i pagamenti in contanti. Le due date da segnare sul calendario sono il 1° luglio 2020 e il 1° gennaio 2022.

Cosa succederà? Dal prossimo primo luglio fino al 31 dicembre del 2021 le nuove disposizioni stabiliscono che potremo pagare in contanti fino al limite massimo di 2mila euro, mille in meno dei 3mila ammessi in questo momento. 

Dal 1° gennaio del 2022 ci sarà poi il secondo scatti, che porterà la soglia massima del pagamento in contanti a mille euro 

Pagamenti in contanti, attenzione alle sanzioni

Come anticipato in precedenza, chi non rispetterà i nuovi limiti, correrà il rischio di pesanti sanzioni pecuniarie, che cambieranno in base al limite (e quindi al periodo): 

  • Per le violazioni nel periodo dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, la sanzione è di 2.000 euro
  • Per le violazioni nel periodo dal 1° gennaio 2022, la sanzione è di 1.000 euro. 

Ricordiamo infine che, fino al 30 giugno 2020, la soglia per i pagamenti in contanti sarà di 3mila euro, così come la multa in caso di trasgressioni.

Fonte : Today