Le migliori serie tv sui vampiri

Le 8 migliori serie tv sui vampiri

True Blood (2008-2014)

La serie di casa HBO creata da Alan Ball e tratta dai romanzi di Charlaine Harris, True Blood è una serie che fa del kitsch, del trash, dell’allegoria e dell’esagerazione i suoi punti di forza per mettere in scena tematiche anche piuttosto controverse e complesse. L’inclusione (o l’esclusione!) dei vampiri dalla società, infatti, non è altro che una metafora relativa all’accettazione (o meno) del diverso. Ma torniamo agli inizi. La giovane Sookie Stackhouse sembra una ragazza come tante con un lavoro come tanti, ma non è una semplice cameriera. La giovane, infatti, è capace di leggere nella mente delle persone. Quando un affascinante e misterioso vampiro entra nel ristorante in cui lavora, Sookie si ritrova immediatamente attratta da lui. La loro relazione, decisamente anticonvezionale, la porterà alla scoperta di un mondo sovrannaturale finora rimasto nascosto, ma ovviamente non mancheranno i problemi, per lei e per quelli vicino a lei.

Buffy the Vampire Slayer (1997-2003)

Per ogni generazione c’è una prescelta che si erge contro i vampiri, i demoni e le forze del male. Lei è la Cacciatrice. La serie creata da Joss Whedon (già creatore del non proprio eccezionale film-prequel del 1992) è diventata un piccolo cult dopo una prima (mezza) stagione embrionale ma avvincente e convincente. Inutile girarci attorno: BtVS è probabilmente la più grande serie con i vampiri (e con una discreta quantità di demoni, mostri, streghe e affini!) mai realizzata. La premessa di partenza è semplice: l’adolescente Buffy Summers è in realtà una cacciatrice di vampiri. Anzi, La Cacciatrice di cui sopra. Trasferitasi a Sunnydale dopo aver dato fuoco alla palestra del suo precedente liceo, Buffy deve ripartire da capo, la lungo il suo cammino oltre ai mostri (reali e metaforici) troverà anche degli amici fidati e il suo Osservatore. Troverà anche l’amore, e sarà, OVVIAMENTE, con un attraente e misterioso vampiro: Angel. Tra un compito in classe e un ballo di fine anno, la Cacciatrice avrà tempo per tenere a bada le forze del male?

The Vampire Diaries (2009-2017)

Basata sull’omonima saga letteraria YA (Young Adult Fiction, cioè romanzi per adolescenti) di Lisa J. Smith, The Vampire Diaries è incentrata sulla giovane Elena Gilbert, una normale adolescente che vive a Mystic Falls, in Virginia, e sui due fratelli vampiri Damon Salvatore e Stefan Salvatore. La vita di Elena viene sconvolta quando scopre che l’affascinante Stefan è un vampiro. Stefan si accorge che Elena è identica alla prima donna della sua vita, la vampira che trasformò lui e suo fratello Damon nel 1864: Katherine Pierce. I due si innamorano entrambi anche di Elena ed entrano a far parte della sua vita. Il loro scopo è proteggerla dall’Originale Klaus e da altre forze che ambiscono al pieno controllo della ragazza, che nasconde a sua insaputa un segreto.

The Originals (2013-2018)

Spin-off di The Vampire Diaries. Klaus Mikaelson, l’ibrido Originale metà vampiro e metà lupo mannaro, e i suoi fratelli decidono di tornare a New Orleans, città che contribuirono a costruire, dopo svariati anni di assenza. Scoprono però in poco tempo che la città è cambiata parecchio, e che dietro questo cambiamento c’è Marcel Gerard, un vampiro trasformato nel 1800 proprio da Klaus. L’intero clan dei Mikaelson dovrà affrontare il proprio passato, un passato oscuro e fatto di parecchi nemici, per poter guardare al futuro. 

Angel (1999-2004)

Spin-off di Buffy the Vampire Slayer. Dopo aver lasciato Sunnydale (precisamente alla fine della terza stagione di BtVS), Angel, il vampiro con l’anima, si trasferisce a Los Angeles, dove si reinventa “detective.” Nella città degli angeli ritrova Cordelia Chase, che sognava un futuro da attrice, e fa nuove conoscenze, tra cui il mezzo demone Doyle, che è una sorta di “portavoce” delle Forze dell’Essere. Cancellata alla fine della quinta stagione, Angel purtroppo finisce con un cliffhanger di dimensioni apocalittiche (letteralmente!), ma è comunque una serie che va vista se siete amanti del soprannaturale in salsa Whedon.

Being Human (versione UK, 2009-2013)

A Bristol, tre coinquilini sembrano umani, ma in realtà sono tre esseri soprannaturali. John è un vampiro, George è un lupo mannaro, e Annie è un fantasma (per la precisione, è il fantasma della precedente abitante della casa, morta tra quelle mura in circostanze misteriose). Nonostante ciò, i nostri tentano di vivere delle esistenze normali, ma il confronto con la loro vera natura è semplicemente inevitabile.

A Discovery of Witches (2018 – attualmente on air)

Adattamento televisivo della Trilogia delle anime di Deborah Harkness. La storica e studiosa di alchimia (nonché strega riluttante) Diana Bishop ritrova inaspettatamente un manoscritto stregato rimasto nascosto per moltissimi anni presso la Biblioteca Bodleiana di Oxford. A quel punto è costretta a prendere atto del fatto di fare parte di un mondo dominato dalla magia: ci sono dei misteri che hanno bisogno di essere svelati, altrimenti l’equilibrio sarà destinato a infrangersi. In suo aiuto arriva Matthew Clairmont, un professore esperto di biochimica che però non è un essere umano: è un vampiro. Nonostante tra streghe e vampiri non sia mai corso buon sangue, i due giurano di proteggere il libro e di andare a fondo di alcune questioni che potrebbero minacciare l’esistenza delle creature magiche nel mondo.

Dracula (2020)

La miniserie Netflix scritta da Mark Gatiss e Steven Moffat (le menti dietro Doctor Who e Sherlock) ripercorre e riscrive le origini del vampiro per eccellenza, Dracula. Dalla nascita della sua leggenda nell’Europa dell’est agli scontri con Van Helsing e con i suoi discendenti, fino ai nostri giorni: Gatiss e Moffat ri-scrivono una storia già raccontata innumerevoli volte, dandole un tocco contemporaneo. Nei panni del protagonista troviamo l’attore e musicista danese Claes Bang.

Fonte : Sky Tg24