Eugenio Ranieri, il pittore dei bus Atac d’annata: “L’autobus è come un’orchestra che mi accompagna ovunque”

Una visita ad un deposito Atac può rappresentare il sogno di una vita. La visione di un bus d’annata un evento da celebrare con un abbraccio. E’ la storia di Eugenio Ranieri, 26enne romano, raccontata da Atac in un post su facebook. Eugenio è un disegnatore-pittore di autobus d’annata, fa parte dell’associazione Ultrablu ed è un grande innamorato dei bus d’annata. 

“Eugenio”, scrive Atac, “è un artista speciale: ha la passione per gli autobus e i tram, ne colleziona le foto, dei giorni nostri e d’epoca. Li disegna – in bianco e nero e a colori – riproducendone ogni dettaglio. Appartiene al gruppo di artisti dell’associazione Ultrablu ed ha un talento innato”. “L’autobus è come un’orchestra che mi accompagna ovunque” scrive Eugenio. Il giovane riconosce i modelli dei bus semplicemente ascoltandone il rumore del motore. Gioisce quando sente il liberatorio sbuffo di aria dalle sospensioni o il metallico ticchettio delle obliteratrici quando ingoiano i biglietti.

Nei giorni scorsi Atac gli ha permesso di visitare una sua rimessa, quella di Tor Sapienza. “Qui”, racconta Atac, “ha incontrato un amico: uno storico autobus Fiat 418 del 1970, l’unico rimasto a Roma. Gli ha parlato, l’ha abbracciato, gli ha sussurrato parole di conforto e, soprattutto, l’ha cominciato a disegnare seduto a terra, in completa venerazione”. “Provo emozioni forti per tutti i mezzi di trasporto pubblico” – racconta visibilmente commosso Eugenio – “sono come persone per me, questa 418 è come un nonno… è anziana, ha bisogno di coccole… di amore”.

Attraverso Ultrablu edizioni, Eugenio ha pubblicato anche un libro “Capolinea – aller et retour”, con fumetti e disegni di bus e tram davvero interessanti.

[embedded content]

Fonte : Roma Today