I rider vanno trattati come dipendenti: la Cassazione chiude il caso Foodora

La Suprema corte sancisce il principio nel food delivery: anche se collaboratori, beneficiano dei diritti dei lavoratori subordinati. Una sentenza che avrà effetti su tutte le app

Fattorini delle consegne del cibo a domicilio (Paolo Gerace – LaPresse)

I fattorini non vanno trattati come lavoratori autonomi, ma come dipendenti a tutti gli effetti, anche se sono dei collaboratori. A sancirlo è la sentenza con cui la Corte di Cassazione chiude la causa intentata da cinque ex rider contro Foodora, app di food delivery ormai chiusa in Italia e passata sotto Foodinho, la società dietro gli affari di Glovo nel Belpaese. La Suprema corte si richiama all’articolo 2 del decreto legislativo 81 del 2015, che rientra nella riforma del Jobs Act. Quello su cui la difesa dei corrieri aveva incardinato il ricorso contro la app. E che ora, in terzo grado di giudizio, è stato riconosciuto.

Secondo la riforma del Jobs act, i collaboratori che partecipano all’attività di un’azienda con continuità e sono organizzati dal committente “con riferimento ai tempi e luoghi di lavoro”, hanno diritto a beneficiare delle stesse condizioni dei lavoratori subordinati. La dottrina parla di “etero-organizzazione”, una sorta di inquadramento di terzo tipo, a metà tra il dipendente a tutti gli effetti e il collaboratore esterno.

Secondo il verdetto delle toghe del Palazzaccio, i fattorini delle app rientrano in questa categoria. E quindi devono essere trattati come lavoratori subordinati a tutti gli effetti. “La sentenza interpreta in modo inequivocabile l’articolo 2, a cui noi ci siamo sempre richiamati”, spiega a Wired l’avvocato Giulia Druetta, che con i colleghi Sergio Bonetto, Giuseppe Marziale e Patrizia Totaro ha assistito gli ex fattorini di Foodora. E aggiunge: “L’etero-organizzazione era stata annunciata come un modo per eliminare le zone grigie. Ci sono voluti la Cassazione e tre anni di lavoro per affermare il principio”.

Il caso dei fattorini di Foodora

La vicenda dei fattorini di Foodora risale a settembre 2016, quando i lavoratori sono scesi in piazza a Torino per protestare contro paga e condizioni di lavoro. A sei di loro, sei mesi dopo, il contratto non viene rinnovato. Il caso finisce in tribunale a Torino, ma il giudice di primo grado nell’aprile 2018 respinge il ricorso e dà ragione alla multinazionale tedesca. Niente reintegro, né assunzione o risarcimento: per le toghe piemontesi i lavoratori sono autonomi.

In Appello i 5 fattorini che proseguono con la causa ottengono una mezza vittoria. In termini di “sicurezza e igiene, retribuzione diretta e differita (quindi inquadramento professionale), limiti di orario, ferie e previdenza”, ai corrieri delle app, che pure restano tecnicamente autonomi, devono essere riconosciute le stesse condizioni dei lavoratori subordinati. Proprio in virtù dell’articolo 2 del Jobs act. Niente assunzione, ma arriva l’indennizzo.

Il contratto

Foodinho fa ricorso contro la sentenza, ma la Cassazione conferma la lettura. I fattorini delle app di consegna sono lavoratori etero-organizzati. È un verdetto destinato ad avere influenza anche sui rider di altre piattaforme, come Deliveroo e Uber Eats. Anche perché il decreto sul lavoro che inquadra i lavoratori della gig economy impone alle app un anno di tempo per sedersi al tavolo con i sindacati e scrivere un contratto del settore. Al momento, a quanto risulta a Wired, la situazione langue, poiché non c’è nessuna data segnata in agenda, a distanza di tre mesi dal varo delle nuove regole. Certo è che le parole del Palazzaccio avranno un peso nella trattativa.

In aggiunta, proprio dalla Spagna da cui ha mosso i primi passi Glovo arriva un’altra sentenza sullo status dei rider. Al centro ci sono 532 fattorini di Deliveroo, ma il pronunciamento del Tribunale superiore suona molto simile a quello della Cassazione nostrana: i rider sono falsi autonomi.

Fonte : Wired