Luì e Sofì di Me contro Te, l’appello della bimba malata: ‘Vorrei giocare con voi’

Una bambina di Avellino ha lanciato un messaggio a Luì e Sofì, protagonisti del film “Me contro te”, nelle sale in questo periodo: “Vorrei incontrarvi almeno una volta e giocare un po’ insieme a voi“. La piccola, che si trova ricoverata nel reparto di Pediatria dell’ospedale “San Giuseppe Moscati” del capoluogo irpino, ha scritto una lettera ai due giovani attori (al secolo, Sofia Scalìa e Luigi Calagna, 21 e 25 anni, entrambi originali di Palermo e fidanzati anche nella vita reale), subito pubblicata sui social anche dal personale medico del reparto pediatrico del nosocomio irpino. La piccola, il cui nome non è stato ovviamente reso noto, è affetta da una malattia che lei chiama “il Signor S”, che nel film dei due giovani attori è appunto il loro acerrimo nemico, ha espresso così il proprio desiderio:

Cari Lui e Sofie mi chiamo G. ho 7 anni e sono una vostra fan. Seguo tutti i giorni le vostre avventure. Anche io, come voi, combatto contro il mio “signor S”: lui è forte ma io lo sono ancora di più. Grazie ai vostri giochi, ai vostri scherzi, alle vostre canzoni e ai cagnolini Kira e Ray mi torna il sorriso, e lui mi fa meno male. Purtroppo, però, ultimamente lui è diventato così forte da non permettermi di andare a scuola, di vedere i miei amici, di andare al cinema a vedere il vostro film, ma sono sempre a casa o in ospedale. Qualcuno mi ha detto che potevo esprimere un desiderio… vorrei incontrarvi almeno una volta, giocare un po’ e insieme a voi, sconfiggere il mio “signor S”!!! Ciao.

Il film “Me contro Te“, attualmente al cinema, sta riscuotendo un grande successo nei cinema italiani: in tre giorni ha incassato qualcosa come cinque milioni e mezzo di euro. Numeri straordinari, che hanno permesso alla coppia di superare perfino “Tolo tolo” di Checco Zalone. E che già nel giorno dell’uscita fece registrare un bel gesto: in un cinema della provincia di Lecce, era stato mandato in onda una versione del film con i sottotitoli, per rispondere al desiderio di un bimbo non udente di vedere al cinema i suoi personaggi preferiti.

Fonte : Fanpage