Miriam Prandi protagonista delle Suites per violoncello solo di Bach al Gonfalone

Mercoledì 29 gennaio e giovedì 30 gennaio 2020, alle ore 20.30, l’Oratorio del Gonfalone presenta due concerti dedicati all’esecuzione integrale delle sei Suites per violoncello solo di Johann Sebastian Bach. Si esibirà sul palco Miriam Prandi, giovane interprete italiana che ha avuto collaborazioni con importanti istituzioni nazionali e internazionali, come l’Orchestra dell’ Accademia del Teatro alla Scala, i Cameristi del Maggio Musicale Fiorentino e la Berliner Philharmonie. Prandi ha ricevuto critiche musicali entusiaste, sia in Italia che all’estero:

Giorgio Pestelli “…Miriam Prandi ha colpito come solista per la bellezza di suono, il volume e il fraseggio, a suo agio nel lirismo vibrante come nelle zone delicate e sognanti.”

Il critico tedesco T.Schacher, su Schweizer Musikzeitung, Giugno 2014:
“… si ha l’impressione che la violoncellista viva solo nella sua esecuzione. Canta con calore il secondo tema e l’inizio dello sviluppo ha una tale profondità interpretativa che sorprende come frutto di una giovane interprete…”.

Le 6 Suites a violoncello solo senza basso (questo il titolo sulla copia redatta dalla moglie del compositore, Anna Magdalena Bach) sono state composte da Bach verso il 1720 a Köthen, quando prestava servizio presso la corte del principe Leopold von Anhalt . L’ambiente di corte del principe offriva occasioni favorevoli alla pratica strumentale di Bach, che aveva a disposizione una buona orchestra e non era assillato dalla composizione di pezzi religiosi, dato il culto calvinista preponderante in città. Destinatario dell’opera era presumibilmente uno dei violoncellisti che all’epoca lavoravano alla medesima corte. Il principe stesso era un musicista provetto, e Bach lo ricorderà come un amico ed un vero conoscitore della sua arte. Fra i componenti dell’orchestra il più rinomato era la viola da gamba Christoph Ferdinand Abel. È facile intuire che Abel possa essere il destinatario delle suites per violoncello solo, o almeno delle prime cinque. La sesta è scritta per la viola pomposa, una grande viola da braccio, ideata e suonata dallo stesso Bach. A differenza delle suites e delle sonate per violino solo, sovente appassionate e tanto più varie, le suites per violoncello si attengono ad una sobrietà costante, che infonde allo strumento, adoperato soprattutto nel registro medio grave, un tono appena solenne. Sono tutte in sei parti, e la quinta (bourrée, minuetto o gavotta) ha funzione di diversivo, in quanto la stroficità del metro la ricollega più direttamente alla danza.

Il concerto successivo si terrà giovedì 13 febbraio 2020, ore 20.30, “IL FLAUTO A ROMA, SOTTO L’ASTRO DI CORELLI”, Valeria Desideri, flauto traversiere, Orchestra Barocca “Furiosi Affetti”.
Musiche di A.Corelli, G.B. Pergolesi, G. Valentini, F. Ruge.

Biglietti al botteghino: (un’ora prima del concerto)

Settore I° € 25
Settore II° € 20
Ridotti under 24 e convenzioni €15

Online Classictic
https://www1.classictic.com/en/artist/prandi__miriam/19471/

Settore I° € 28
Settore II° € 23

Info: https://www.oratoriogonfalone.eu

Contatti
Tel. 066875952
E-mail: info@oratoriogonfalone.eu

Ufficio stampa:
Sara Belfiore, 334/9891139
ufficiostampa@oratoriogonfalone.eu
Indirizzo: Via del Gonfalone, 32A, 00186, Roma

Fonte : Roma Today