Quindi fumare inquina l’ambiente?

Se ne parla molto per le iniziative del sindaco di Milano Beppe Sala, ma è vero: le sigarette fanno male all’ambiente. Oltre a gas e particelle nocive contenute nel fumo, i mozziconi sono un rischio per gli oceani e le specie marine

Sui pacchetti di sigarette servirebbe un’avvertenza in più: Nuoce gravemente all’ambiente. Nei giorni scorsi ha fatto molto discutere l’idea del sindaco Beppe Sala, annunciata mentre Milano soffocava nello smog, di vietare il fumo negli spazi pubblici all’aperto. Eppure i ricercatori non hanno dubbi: fumare inquina. Oltre a devastarci i polmoni, il fumo delle sigarette sprigiona infatti gas e particelle inquinanti, mentre i mozziconi abbandonati, zeppi di sostanze tossiche, contaminano il suolo e il mare.

Peggio di un diesel

Il fumo delle sigarette, tanto per cominciare, è un miscuglio di oltre quattromila sostanze chimiche, alcune molto nocive per la salute e per l’ambiente: dalla nicotina ai metalli pesanti, dall’acido cianidrico ai residui dei pesticidi impiegati per coltivare il tabacco. Il fumo, inoltre, aumenta la concentrazione locale di particolato nell’aria. Alcuni anni fa, uno studio pilota condotto in California aveva svelato come sotto le pensiline degli autobus un’unica sigaretta aumentasse la concentrazione di particolato fine (il famigerato Pm 2,5) di 16-35 volte rispetto ai valori prodotti dalle auto e dai camion che transitavano sulla strada.

Sebbene le sigarette non siano certo la causa principale dell’inquinamento urbano, in spazi ridotti e affollati, anche all’aperto, vietare il fumo può migliorare in modo significativo la qualità dell’aria che respiriamo: ecco perché nazioni come la Svezia, o diverse grandi città in Germania, Svizzera, Stati Uniti e Giappone hanno già introdotto restrizioni severe negli spazi pubblici. Secondo Roberto Boffi, responsabile della pneumologia all’Istituto nazionale dei tumori di Milano, gli studi mostrano che intorno a un fumatore, in termini di particolato, “una sigaretta può inquinare dieci volte più di un’auto diesel”.

(foto: Luiz Souza/NurPhoto via Getty Images)

Inoltre, neppure il contributo in termini di gas serra è trascurabile. Ogni anno si producono circa 6 miliardi di sigarette che, secondo un rapporto dell’Imperial College di Londra, sono responsabili dello 0,2% delle emissioni globali di CO2, più o meno quelle della Svizzera.

Un mare di mozziconi

Il danno ambientale, tuttavia, non svanisce insieme al fumo. Il 90% dei filtri delle sigarette è prodotto con acetato di cellulosa: un materiale plastico che se viene disperso nell’ambiente può impiegare più di un decennio a decomporsi. Purtroppo abbandonare i mozziconi è una pratica molto diffusa: ogni anno nel mondo finiscono dispersi ben 4.500 miliardi di filtri, circa tre quarti del totale. Solo in Italia si stima che ogni giorno vengano gettati oltre 195 milioni di mozziconi.

La gran parte finisce nei fiumi e nei mari: basta una passeggiata in spiaggia per rendersene conto. Negli ultimi 32 anni, i volontari di Ocean Conservancy hanno raccolto sui litorali del mondo oltre 60 milioni di mozziconi, pari a circa un terzo del totale di tutta la spazzatura recuperata. Le Nazioni Unite stimano che nel Mediterraneo i mozziconi costituiscano il 40% dei rifiuti, il quadruplo delle bottiglie di plastica.

Non è solo una questione estetica: una parte delle sostanze nocive resta infatti intrappolata nei filtri gettati via, aggravando l’impatto per l’ambiente. A causa delle loro piccole dimensioni, i mozziconi sono infatti ingeriti da molti animali marini ed entrano così nella catena alimentare. Diversi studi hanno mostrato che i mozziconi sono tossici per i pesci, gli uccelli e le tartarughe marine. Le sostanze nocive contenute nel tabacco sono state ritrovate nel 30% delle tartarughe e nel 70% degli uccelli esaminati. Infine, con il consumo di pesce, una parte delle 7.800 tonnellate di agenti pericolosi che secondo le stime finiscono nell’ambiente con le cicche di sigaretta, torna sulle nostre tavole, chiudendo il cerchio.

Rifiuti pericolosi

Come se tutto ciò non bastasse, i mozziconi abbandonati possono danneggiare persino la vegetazione. I ricercatori dell’Anglia Ruskin University (Gran Bretagna) hanno infatti scoperto che la presenza di mozziconi ostacola la germinazione e la crescita del trifoglio e dell’erba. Nel trifoglio, in particolare, è stata riscontrata una germinazione dei semi inferiore del 27% e una crescita ridotta del 28%. 

Già dieci anni fa l’Enea aveva messo nero su bianco che, in base alla normativa sulle sostanze pericolose, “le cicche di sigarette dovrebbero essere classificate come un rifiuto pericoloso per l’ambiente e come tale trattate”.

Ora l’Unione Europea ha deciso di affrontare la questione. Nell’intento di ridurre dell’80% entro il 2030 l’inquinamento causato dai mozziconi di sigaretta, ha inserito nel nuovo regolamento sulla plastica monouso una norma per costringere l’industria del tabacco a finanziare la raccolta dei filtri. Fumo negli occhi per i produttori di sigarette, ma per l’ambiente sarebbe una bella boccata d’ossigeno.

Fonte : Wired