Debutto flop per Dolittle: appena 29,5 milioni ai botteghini americani

Le proiezioni negative a quanto pare avevano ragione, e il dato del primo weekend nelle sale certifica il flop di Dolittle: il film ha incassato appena 29,5 milioni di dollari ai box office americani, e altri 17 milioni nel resto del mondo (in Italia uscirà il 30 gennaio).

Di questo passo, il film con Robert Downey Jr potrebbe non riuscire nemmeno a recuperare i costi di produzione (più di 175 milioni di dollari) e di marketing. I deludenti dati, se confermati anche nelle prossime settimane, potrebbero mettere a repentaglio il progetto di un franchise e fare di Dolittle il primo vero flop del 2020.

Nonostante il nome di Stephen Gaghan compaia ufficialmente alla voce “diretto da”, è più corretto parlare di un lavoro di squadra. La scorsa primavera, infatti, i registi Jonathan Liebesman (Teenage Mutant Ninja Turtles) e Chris McKay (The Lego Batman Movie) sono stati coinvolti dalla Universal Pictures per numerose riscritture e riprese. Questo cambiamento, pensato per aumentare l’umorismo forse un po’ dozzinale del film e avvicinarlo al gusto dei giovanissimi, ha provocato un ritardo di nove mesi sull’uscita del film, ma non è stato sufficiente a quanto pare ad evitare le stroncature della critica e l’assenteismo degli spettatori. Né sembra aver giovato al botteghino la presenza di un cast vocale di prim’ordine al fianco di Robert Downey Jr, reduce dall’eroico finale di Avengers: Endgame.

Non tutto è ancora perduto, in ogni caso: Dolittle deve ancora debuttare in una ventina di mercati internazionali, e arriverà in Europa occidentale la prossima settimana. Se le premesse sono queste, però, c’è poco da stare allegri.

Fonte : Everyeye