10 attori da tenere d’occhio nel 2020

Non solo Timothée Chalamet. Il 24enne di Chiamami col tuo nome è diventato il golden boy di Hollywood, capace di passare con nonchalance dal dramma storico (Il re) all’adattamento di un classico letterario (Piccole donne). La prossima stagione sul grande schermo – stando alle anticipazioni delle Giornate Professionali di Cinema di Sorrento – promette una bella lista di astri nascenti, pronti a scippargli il titolo. Alcuni sono figli di o nipoti, altri invece devono l’imminente ascesa a una sostituzione last minute in tv, come Noah Centineo in The Fosters. Tutti loro, comunque, hanno le idee chiarissime e almeno 10 progetti nei prossimi sei mesi Il 2020 sarà per lui un anno da protagonista assoluto: prima, nel kolossal 1917 (dal 23 gennaio in sala), che tra l’altro si è aggiudicato 10 nomination agli Oscar, poi nel western The Kelly Gang, presentato al Festival di Toronto. Il 27enne britannico è figlio d’arte: entrambi i genitori lavorano in teatro, e al momento ha un unico neo nel curriculum: ha fatto il provino per Game of Thrones, ma è andato male Finora ha preso parte a franchise già affermati: da Creed a Black Panther passando per I Fantastici Quattro. Ma la sua svolta deve ancora arrivare: con il dramma Il diritto di opporsi (dal 30 gennaio al cinema, dopo il successo di critica internazionale, compresa l’apertura del Bahamas International Film Festival). Qui si mette in gioco accanto a due Premi Oscar (Jamie Foxx e Brie Larson), e la sua performance non è certo da meno. Dice che il successo non lo sta cambiando, tanto che, invece di andar via di casa, si è trasferito a vivere con i genitori. Nel suo futuro: un ruolo da ex Navy SEAL in Senza rimorso e uno da soldato in Journal for Jordan, prima di tornare a fare il pugile in Creed III Animal Kingdom, Peaky Blinders e Vikings. Il passo successivo di questo 24enne britannico è Fast & Furious 9, in uscita il 21 maggio. Inizialmente voleva fare il pescatore, come il padre. Poi, il fratello maggiore Joe (anche lui attore) gli ha procurato il primo lavoro. Ora Finn è determinato a sfondare a Hollywood È il nipote di Ralph Fiennes. Dello zio nei panni di Lord Voldemort nella saga di Harry Potter ha anche fatto la versione “bambino”. Oggi, invece, è più bad boy. Colpa (o merito) di After, che avrà un secondo capitolo sul grande schermo in primavera, sempre tratto dal romanzo young adult di Anna Todd (foto: Getty Images) Il fratello maggiore del magizoologo Newt Scamander in Animali fantastici è pronto per una nuova sfida. Ancora in costume: Emma è l’adattamento cinematografico del gioiello letterario di Jane Austen. A dirla tutta, Callum ha già partecipato anche alla trasposizione a puntate di Guerra e pace. La sua caratteristica principale? La poker face, che fa subito mistero Halloween 2016: ha vestito i panni del padre ne Il buono, il brutto e il cattivo per un evento di beneficienza e ha lasciato tutti senza fiato. Oggi, in The outpost, il figlio di Clint Eastwood (la paternità è stata resa nota nel 2006) porta in scena una storia vera di grande coraggio, stile Davide contro Golia: 10 anni fa, in Afghanistan, un gruppo di soldati americani ha tenuto testa a un esercito talebano. Non è la sua prima volta in divisa: leggi Suicide Squad Prima, la folle commedia romantica Crazy & Rich; poi, da lì, accanto a Emilia “Daenerys” Clarke in Last Christmas. Ma ora si cambia registro e per il 32enne di origini malesiane c’è in programma The Gentlemen (in sala dal 7 maggio, nella foto), con il regista Guy Ritchie che mette in scena un vero dream team composto da Charlie Hunnam, Matthew McConaughey, Hugh Grant In Era mio figlio (dal 20 febbraio) sarà un bravo soldato coraggioso. Questo 29enne inglese sta nello showbusiness da meno di 10 anni, ovvero da quando Steven Spielberg l’ha scelto per il kolossal War Horse, ma pare un attore navigato. La prova provata: Mamma Mia! Ci risiamo, nei panni della versione adolescente di Sam, il personaggio di Pierce Brosnan Argentino, 31 anni, accanto al padre Ricardo, porta in sala a marzo il film Criminali come noi, adattamento del romanzo La notte degli eroici perdenti. Da tempo ormai è sotto i riflettori e non solo per le performance artistiche. Fidanzato di Úrsula Corberó, la Tokyo de La casa di carta, con oltre 1 milione di follower su Ig (lei è a quota 11 e mezzo), alterna la recitazione alla produzione. Obiettivo comune: conquistare Hollywood e dintorni

Fonte : Wired