Pink Floyd, la rivalità tra Roger Waters e David Gilmour nel 2020. La tormentata storia del rapporto tra due leggende

Hanno fondato insieme una delle più grandi rock band della storia, eppure purtroppo oggi sono ai ferri corti. Siamo parlando di Roger Waters e di David Gilmour, i due grandi musicisti dei Pink Floyd le cui strade si sono però divise per colpa di una rivalità che ha origini lontane. Sull’account Instagram ufficiale della band è stata pubblicata una foto che ritrae il bassista e il chitarrista da giovani, mentre giocavano a Backgammon: Gilmour sembra concentrato sul gioco, mentre Waters lo guarda e se la ride in modo beffardo. “La vita sulla strada, in modo particolare durante tour molto lunghi, può essere un’ottima occasione per rispolverare il backgammon”, questa la didascalia dell’immagine.

Questa foto fa sorridere, anche se ridurre a una semplice rivalità il rapporto tra Waters e Gilmour non sarebbe corretto. La loro è certamente una storia complicata, fatta di incomprensioni e di alti e bassi, ma in tutto ciò tante volte ha per fortuna prevalso la musica su tutto il resto. Lo ha ricordato Nick Mason in una recente intervista per Eonmusic, parlando dell’ultima reunion dei Pink Floyd, il loro ultimo live tutti insieme, Waters, Gilmour, Mason e Wright prima della scomparsa di quest’ultimo, esibizione che ha avuto luogo il 2 luglio del 2005 a Londra: “Ho sempre detto che quello è stato uno dei migliori concerti della nostra carriera, solo per il fatto che ciascuno di noi sapeva che era in corso una sorta di guerra – ha detto, riferendosi ovviamente alla situazione tra Waters e Gilmour – eppure tutti noi siamo stati capaci di dire ‘Sai cosa, questo è più importante delle divergenze di opinione, della band, della musica o di qualsiasi altra cosa’. Penso – ha concluso – che quella sia stata una prova del fatto che siamo cresciuti”.

In quell’occasione, in effetti, Gilmour e Waters sono riusciti a deporre momentaneamente l’ascia di guerra e a concedersi una tregua; in seguito, però, le cose non sono migliorate, anche se pare che ci siano stati dei tentativi di rappacificazione. Roger Waters ha raccontato di aver provato a riavvicinarsi a Gimour, ma di essere stato respinto: “Mi avrebbe fatto piacere se mi avesse permesso di promuovere il mio film Us + Them sul sito dei Pink Floyd – ha raccontato il bassista – ma non me lo ha consentito. Lo ha censurato e mi ha negato il permesso di promuovere qualsiasi cosa su quel sito”. I contrasti tra i due, insomma, purtroppo non sono ancora stati superati e ad oggi appare davvero molto improbabile che tornino a suonare insieme, anche se questa continua a essere la grande speranza dei fan dei Pink Floyd.

Fonte : Virgin Radio