Taika Waititi è già stufo di questa stagione dei premi a Hollywood

Con il suo consueto senso dell’umorismo e ficcante sarcasmo, Taika Waititi si è concesso ieri notte ai microfoni di Variety dove ha confessato di essere già esausto di questa interminabile stagione dei premi a Hollywood, che tra l’altro lo vede tra i protagonisti grazie al suo Jojo Rabbit.

Sul red carpet, infatti, il regista ha dichiarato a Variety: “Sono un po’ esausto, quindi è grandioso. In realtà è meglio così, perché sembra stia faticando in continuazione solo per poter sopravvivere“. Il regista è al centro della stagione dei premi grazie al suo ultimo film, Jojo Rabbit, che si è guadagnato 6 nomination ai Premi Oscar: miglior film, attrice non protagonista a Scarlett Johansson, sceneggiatura non originale, costumi, scenografie e montaggio. Waititi era presente ai SAG Awards, che hanno visto il trionfo di Parasite di Bong Joon-ho, per sostenere la candidatura a miglior attrice non protagonista della Johansson, così come quella per l’intero cast di Jojo Rabbit.

In una recente intervista concessa a Deadline, Waititi aveva raccontato il processo di sviluppo di un film come Jojo Rabbit: “Non ho mai voluto fare qualcosa che fosse troppo facile, perché per me se è troppo facile non ha proprio senso. Qualche volta la gente dice: ‘Oh è divisivo’, ma da dove provengo io, divisivo non è una brutta parola. Serve a creare un dibattito“.

Il prossimo lavoro di Waititi sarà Next Goal Wins con Michael Fassbender. Il film racconta la missione della squadra di calcio delle Samoe Americane per qualificarsi alla Coppa del Mondo del 2014, un risultato che avrebbe dato una svolta decisiva alla squadra. Basato sull’omonimo documentario calcistico realizzato nel 2014 da Mike Brett e Steve Jamison, il film seguirà l’impresa quasi impossibile di superare il girone di qualificazione per il mondiale, dove tra le altre ha incontrato anche la nazionale delle Samoa. Fatto interessante: le Samoe Americane nel 2001 hanno perso contro l’Australia per ben 31-0, firmando la più larga sconfitta della storia tra due nazionali maggiori.

Dopodiché il regista potrà dedicarsi alle riprese di Thor: Love and Thunder, la cui uscita nelle sale è stata già fissata al 5 novembre 2021.

Fonte : Everyeye