Inter, nuova offerta al Tottenham per Eriksen: martedì giorno decisivo

I nerazzurri migliorano l’offerta per il centrocampista danese: 13 milioni più 2 di bonus. Il Tottenham continua a chiederne 20. Martedì l’agente del giocatore incontrerà il presidente degli Spurs per avvicinare le parti

CALCIOMERCATO, TUTTE LE TRATTATIVE LIVE

C’è il secondo rilancio dell’Inter per Christian Eriksen, obiettivo di mercato per rinforzare il centrocampo di Antonio Conte. In occasione dell’arrivo in sede a Milano degli intermediari che stanno gestendo la trattativa per portare in Italia il centrocampista danese del Tottenham (gli stessi dell’operazione Young), il club nerazzurro ha ritoccato l’offerta per gli Spurs, arrivando a 13 milioni più 2 di bonus. Il club inglese al momento non scende dalla valutazione di 20 milioni per il giocatore, che va in scadenza di contratto a giugno. Quella di martedì può essere però la giornata giusta per una svolta nella trattativa: l’agente del centrocampista danese, Martin Schoots, incontrerà il presidente del Tottenham Daniel Levy a Londra. E’ probabile che il Tottenham chiederà al giocatore di rinunciare a qualcosa per essere lasciato libero subito. Se Eriksen dovesse accettare queste condizioni del club inglese, e con un ulteriore piccolo ritocco dell’Inter sull’offerta con conseguente avvicinamento del Tottenham, si andrebbe verso la chiusura. Si lavora con estrema fiducia. Quella tra Eriksen e l’Inter sembra però solo una questione di tempo, perché anche se martedì fosse il giorno decisivo servirà quindi almeno una settimana per vederlo in Italia. 

Mourinho su Eriksen: “Giocatore sta facendo bene, non capisco ottimismo Inter”

Dell’affare Eriksen ha parlato anche José Mourinho in conferenza stampa: “Dovete chiedere all’agente e all’Inter perché sanno più di me. Se sono fiduciosi è perché sono pronti a formulare un’offerta, cosa che ancora non è avvenuta – le parole dell’allenatore del Tottenham alla vigilia della sfida di campionato contro il Watford –  quando vedo le persone parlare, specie chi ha ruoli di responsabilità, rimango sorpreso. Eriksen sta facendo del suo meglio ed è normale che fino al 31 gennaio non sia totalmente focalizzato nella squadra. Non capisco questo ottimismo, anche perché da un po’ di partite si dice che ogni partita che gioca è l’ultima”.

Fonte : Sky Sport