Concorso al Senato, 30 posti da assistente parlamentare: basta la licenza media

Concorso Senato 2020: il nuovo anno si è aperto con una nuova selezione pubblica per assumere 30 assistenti parlamentari. Una grande opportunità lavorativa in Senato, che arriva a qualche mese di distanza dal concorso per 60 coadiutori parlamentari le cui selezioni sono ancora in corso.

Il 14 gennaio è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il bando con tutte le informazioni relative al Concorso per assistenti parlamentari in Senato: dai requisiti alle modalità di presentazione della domanda, fino ad arrivare allo svolgimento della prova, che sarà divisa in diverse fasi. 

Quanto tempo c’è per inviare la domanda? La richiesta di partecipazione va inoltrata, entro e non oltre, le 18.00 del 14 febbraio 2020. Individuata la scadenza del bando, passiamo ai requisiti per partecipare.

Concorso Senato 2020, i requisiti: basta la licenza media 

Il concorso per 30 posti da assistente parlamentare non è aperto a tutti, ma la platea di possibili partecipanti è senza dubbio molto ampia, considerando che il requisito legato all’istruzione scolastica non richiede il diploma o la laurea, basterà infatti avere la licenza media. Ma oltre a questo, come chiarito nel bando ufficiale, esistono altri requisiti di cui il candidato deve essere in possesso al momento della presentazione della domanda: 

  • essere cittadino italiano;
  • avere l’esercizio dei diritti civili e politici;
  • avere la licenza di scuola media con voto minimo di 8/10 o anche non inferiore a “buono” o altro titolo equipollente;
  • avere un’età compresa tra i 18 e i 35 anni (non compiuti);
  • godere dell’idoneità fisica a svolgere le mansioni professionali richieste.

L’unica eccezione riguarda i dipendenti del Senato che, potranno partecipare al concorso, anche senza rispettare il requisito dell’età.

Concorso Senato 2020: scadenza e come candidarsi

Dopo aver visto i requisiti per partecipare, vediamo come e quando va presentata la domanda di iscrizione. La scadenza, come detto in precedenza, è il 14 febbraio 2020 alle ore 18. I candidati che vorranno partecipare al concorso per assistente parlamentare in Senato dovranno eseguire le seguenti operazioni: 

  • pagare un contributo di segreteria pari a 10 euro attraverso il sistema PagoPA (qui una guida per capire cos’è e come funziona);
  • accedere alla sezione concorsi del Senato;
  • il candidato per farlo deve essere in possesso dell’identità digitale SPID;
  • scaricare e stampare la ricevuta rilasciata dal sistema.

Concorso Senato 2020, quali sono le prove

Arriviamo infine allo svolgimento pratico della selezione: l’esame prevede una prova preliminare, una scritta, a cui seguiranno prove orali e tecniche.

Concorso Senato 2020, il bando in versione integrale

Il diario della prova preliminare verrà pubblicato il 21 aprile 2020 sulla Gazzetta Ufficiale. Questo test sarà composto da 50 quesiti a risposta multipla di cui:

  • 20 di carattere logico-matematico;
  • 20 di carattere critico-verbale;
  • 10 per accertare la conoscenza della lingua inglese per un livello che non sia inferiore al B1.

I candidati che supereranno la prova preliminare, ossia quelli che si classificheranno nei primi 300 posti, accederanno alla prova scritta che sarà articolata nel seguente modo:

  • 5 quesiti sulla storia d’Italia dal 1861 ai giorni nostri;
  • 5 quesiti sull’ordinamento costituzionale italiano;
  • 5 quesiti sul primo soccorso;
  • 5 quesiti sulla sicurezza sul lavoro;
  • la traduzione di un testo di lingua inglese (livello di competenza B1).

I candidati che avranno totalizzato un punteggio non inferiore a 42 punti e non inferiore a 12 per ogni singola prova (punti massimi 20 ciascuna), dovranno sottoporsi alle prove orali e tecniche, che si svolgeranno così:

  • prova orale sulla storia d’Italia dal 1861 ai giorni nostri;
  • prova orale sull’ordinamento costituzionale italiano;
  • lettura e traduzione di un brano scritto nella lingua
  • inglese;
  • una prova tecnica per accertare la conoscenza delle principali informazioni sul Senato della Repubblica nella sezione “Relazioni con i cittadini” del sito istituzionale;
  • prova tecnica per accertare la conoscenza di Excel e Word.

La graduatoria finale verrà poi formata tenendo conto del punteggio complessivo di tutte le prove. Per maggiori dettagli o informazioni consigliamo di consultare la versione integrale del bando disponibile sulla Gazzetta Ufficiale.

Fonte : Today