Huawei P40 Pro avrà cinque fotocamere e corpo in ceramica

La presentazione potrebbe avvenire a marzo, incerta la presenza dei servizi di Google a bordo

Huawei P40 Pro(Foto: @evleaks Twitter)

Ancora una volta una corposa anticipazione sul futuro del segmento mobile da parte del ben noto Evan Blass alias Evleaks su Twitter con protagonista Huawei P40 Pro, il futuro top di gamma che debutterà tra poco assieme alla versione standard e, probabilmente, a quella Lite. Inevitabile che al centro del nuovo smartphone ci sarà ancora una volta il compartimento fotografico il vero punto di forza degli ultimi modelli Huawei, con ben cinque sensori.

Secondo quanto anticipato da Blass, la scocca di Huawei P40 Pro sarà in ceramica con vetro su fronte e retro curvo su tutti e quattro gli spigoli. Lo spazio dedicato ai sensori fotografici posteriori sarà ancora più imponente, d’altra parte dovrà accogliere i cinque occhi. Oltre a quello principale ad alta risoluzione e generosa apertura, ci sarà anche un tele in grado di coprire un ampio range 18-240 mm tra l’ultragrandangolo e uno zoom che potrebbe spingersi fino a 13x, con una spintarella da parte software.

La selfie camera sarà doppia alloggiata in un foro e non in un notch, i pulsanti per volume e accensione/spegnimento saranno posizionati sul lato destro con il lato sinistro e quello superiore lisci. In basso, un ingresso usb type-c e uno speaker, ma niente jack da 3,5 mm, purtroppo. Quando uscirà allo scoperto? Se si manterrà la tradizione dell’ultimo biennio aspettiamoci un annuncio a marzo dopo il Mobile World Congress 2020 di Barcellona.

Parallelamente, proseguono gli sforzi per allestire una piattaforma software proprietaria completa. In occasione di una recente campagna nel Regno Unito e Irlanda, il colosso cinese ha promesso un incentivo di circa 20 milioni di euro per tutti gli sviluppatori che si impegneranno per creare nuovi contenuti per lo store Huawei Mobile Service (Hms) alternativa a Google Play.

Sono stati anche preparati anche kit per lo sviluppo che spaziano in ogni ambito per ogni possibile app. Dopo l’ottimo successo di vendita di Huawei Mate 30 e 30 Pro, che sono usciti senza servizi di Google, Huawei prosegue indomita, il 2020 sarà un anno significativo per il futuro.

Fonte : Wired