Rapina in banca, arrestato operaio: il colpo messo a segno mentre era in pausa pranzo

È andato in pausa pranzo e, insieme a un complice, ha provato a rapinare una banca ma è stato arrestato. È successo nel pomeriggio di ieri a Bologna. In manette è finito S.M., operaio 26enne originario del casertano, entrato armato di coltello a seghetto nella filiale Unicredit di via Rizzoli, mentre il suo complice è ancora ricercato dalla Squadra Mobile.

A chiamare le forze dell’ordine è stata una dipendente che si trovava al secondo piano della filiale e ha assistito alla rapina. Come confermato anche dalle immagini della telecamera di sorveglianza, due persone con il cappuccio sono entrate e hanno estratto il coltello.  I rapinatori hanno scavalcato il bancone delle casse e arraffato 6 blister contenenti monete per un totale di 480 euro; uno di loro, passando alle spalle di una cassiera, le ha provocato un’abrasione con la lama.

La polizia è arrivata sul posto mentre i rapinatori stavano uscendo dalla banca. S.M. è stato fermato in via degli Orefici, dopo una fuga a piedi, mentre il suo complice è riuscito per il momento a far perdere le proprie tracce.  Sul posto è arrivata anche un’ambulanza del 118 che ha trasportato la cassiera ferita al pronto soccorso: ne avrà per 5 giorni. Il bottino è stato disseminato per strada, come hanno riferito i passanti, ma la Polizia non ha rinvenuto i blister lungo il tragitto.

L’arrestato, che ha ammesso le sue responsabilità, ha qualche precedente per reati contro il patrimonio e di droga: è un operaio in trasferta, impegnato in un cantiere nel centro cittadino: ha messo a segno il colpo in pausa pranzo.

Fonte : Today